Alibi.com

0
30
Mehdi, Greg e Augustin in Alibi.com

Volete evitare una cena con i suoceri? Nascondere una scappatella? O proteggere il vostro giardino segreto? Tranquilli, ci pensiamo noi.
(Grégory Van Huffel – Philippe Lacheau)

La ditta marciava alla grande. Avevo trovato l`amore. Insomma, tutto andava bene. Finchè non ho conosciuto mio suocero.
(Grégory Van Huffel – Philippe Lacheau)

Alibi.com è l`affascinante nome della società creata da Grégory Van Huffel o per tutti solo Greg che, con l`aiuto del socio Augustin e del nuovo arrivato Medhi, è specializzata nel costruire alibi per clienti che si sono concessi una scappatella e non vogliono farlo sapere alla moglie, o per ogni altro tipo di esigenza sul quale è rigorosamente necessario mantenere il giusto livello di privacy.

Single da sempre, l`incontro con la bella Flo Martin sarà fatale per Greg che si innamora di lei. I due decidono di andare a vivere insieme e Flo porta Greg a conoscere i suoi genitori. Con enorme sorpresa il ragazzo scopre che il suo cliente Jean-Claude si chiama in realtà Gérard ed è proprio il padre della donna che ama. Visto che Flo non conosce ancora il lavoro di Greg, come sarà possibile uscirne al meglio per entrambi?

Straordinaria commedia degli eccessi campione di incassi in Francia – con merito direi – che arriva finalmente anche in Italia. L`umorismo usato nella pellicola è abbastanza pesante e per coloro che sono stati da poco vittima di anche solo una delle situazioni qui descritte potrebbe non piacere, ma era tanto che non ridevamo tutti tanto al cinema. Il merito di questo, per un film comunque sostanzialmente semplice, va in primis ad una sceneggiatura perfetta e ad un gruppo di attori che mescolati insieme nella maniera che abbiamo appena visto proprio grazie alla sceneggiatura poco fa citata diventano un mix esplosivo di risate. Poi viene il regista nonchè attore protagonista, quel bravissimo Philippe Lacheau le cui espressioni del viso diventano comiche ancor prima che il ragazzo inizi anche solo a dire una parola. I suoi due partner il Alibi.com non sono da meno – da citare anche il fatto che Julien Arruti, oltre ad interpretare Augustin, è stato anche uno degli autori della storia. E qui va rimarcato anche il fatto che il film in questione sembra quasi una produzione artigianale, pensata e disegnata come un vestito su misura per i giovani che vogliono ridere e divertirsi senza troppi pensieri; durante lo svolgimento del tutto non ci si chiede come sia possibile che certe cose avvengano, ma le si apprezza e ci si ride sopra proprio in funzione di questo. Le ambientazioni surreali della trama sono sovente talmente eccessive da risultare quasi plausibili, ed in effetti se una sera provassimo ad uscire e a guardarci attorno, non dovrebbe essere troppo difficile identificare persone in carne e ossa con tante cose in comune con quelle che vediamo in questo piccolo grande capolavoro. Perchè, in fin dei conti, abbiamo avuto tutti un alibi (o ne abbiamo ancora uno) a cui doverci appoggiare per giustificare qualcosa con familiari che la vedono diversamente da noi su alcuni aspetti; sicuramente raccontare la verità sarebbe la cosa migliore, ma come fare a convincere il prossimo ad accettarci sempre per quello che siamo, invece che a volerci avere per quello che questi immagina noi si possa essere? Ottima la scelta della musica di sottofondo nelle varie fasi della pellicola, e spettacolare lo show finale dell`eccessiva Cynthia alias Nawell Madani, cantante e personaggio del film. Da non perdere.

[review]

[two_fifth][/two_fifth]

[three_fifth_last] Alibi.com

Genere: Commedia

Interpreti: Philippe Lacheau, Elodie Fontan, Julien Arruti, Tarek Boudali, Didier Bourdon, Nathalie Baye, Nawell Madani, Medi Sadoun, Vincent Desagnat, Alice Dufour

Un film di: Philippe Lacheau

Durata: 90 minuti

Data di uscita: 28 Settembre 2017

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here