50 e 50

0
39
Katherine, Adam e Kyle in 50 e 50

Non puoi cambiare la situazione, ma il modo in cui la vivi.
(Rachel – Bryce Dallas Howard)

Sì, ma … queste sono stronzate. Questo è ciò che tutti mi hanno raccontato fin dall’inizio. “Oh, tutto andrà a posto per te” e “Oh, va tutto bene”, e invece non è così … peggiora solo le cose … perché nessuno verrà fuori e ti dirà qualcosa come: “Hey amico, stai morendo”.
(Adam – Joseph Gordon-Levitt)

Adam è un giovane di 27 anni che conduce una vita abbastanza tranquilla. Fidanzato con la bella Rachel e con un lavoro promettente, Adam riceve improvvisamente una notizia che butterebbe a terra chiunque. Perchè Adam ha il cancro, e uno di quelli non di facile guarigione. Il cancro di Adam è duro da sconfiggere, e persino il suo amico del cuore Kyle, sempre allegro e ridanciano, fatica a metabolizzare il dramma.

Rachel promette di stargli vicino, ma alla fine lo tradisce. Kyle promette di tenerlo su di morale, ma la sua opera non ha effetto. Nulla sembra in grado di alzare il morale di Adam quando, improvvisamente, nella vita del giovane arriva Katherine, o meglio Katy, giovane terapista forse troppo ligia al lavoro, ma molto più umana degli altri che interagiscono con lui. Sarà Katy far uscire tutto quello che il ragazzo tiene bloccato dentro di sé.

Pellicola che si colloca a metà tra la commedia e il dramma, con punte romantiche che stupiscono per la loro poesia. Sì, stupiscono davvero: in fondo, stiamo parlando di un film che tratta la storia di una persona malata di cancro, e a tutto farebbe pensare tranne che alla poesia. E invece è proprio questa la prima e più importante caratteristica di questa storia, quella che la rende unica e speciale. Poesia, magia, capacità di mescolare paura della morte con voglia della vita in una modalità davvero rara. Jonathan Levine ha avuto molto coraggio ad affrontare un film all’apparenza molto pesante da un’altro punto di vista e con un fuoco totalmente differente. Il regista è bravo a farci vivere tutte le fasi di una malattia grave, analizzando con leggerezza quali sono gli stati mentali di chi la vive, tutti diversi eppure legati da un forte, fortissimo filo conduttore, cioè la malattia. Ma se il film funziona è anche merito di un cast azzeccato sotto tutti i punti di vista. Joseph Gordon-Levitt è bravissimo come protagonista, facendoci vivere la sofferenza in modo pieno e anche disincantato. La fidanzata infedele è rappresentata bene dal viso algido e freddo di Bryce Dallas Howard, mentre l’amico del cuore che pensa sempre prima a sé stesso piuttosto che a colui a cui dice di tenere tantissimo è la faccia leggera, fresca e allo stesso tempo fasulla di Seth Rogen. A questi si aggiunge una delle più brave attrici della Hollywood di oggi, quella Anna Kendrick proiettata sempre più in alto nello star system cinematografico. Storia divertente, quindi, ma assolutamente non una storia leggera. Invece, uno dei miglior film in assoluto della storia del cinema che trattano il tema di una malattia grave. Da vedere sia per chi ha, ha avuto o conosce persone con questo problema, sia per tutti quelli che comunque vogliono capire meglio qualcosa che conoscono poco e di cui si parla sempre tanto. Perchè, in fin dei conti, la cosa più bella nella vita è capire quali sono le persone che davvero tengono a noi.

[review]
50 e 50 - Locandina [two_fifth]

[/two_fifth]

[three_fifth_last] 50 e 50

Genere: CommediaDrammatici, Romantici

Attori: Joseph Gordon-Levitt, Seth Rogen, Anna Kendrick, Bryce Dallas Howard, Anjelica Huston, Julia Benson, Jessica Parker Kennedy, Philip Baker Hall, Marie Avgeropoulos, Geoff Gustafson, Sarah Smyth, Andrew Airlie, Luisa D’Oliveira, Andrea Brooks, Veena Sood, Matty Finochio, Sugar Lyn Beard, Yee Jee Tso, Serge Houde, Darien Provost, Daniel Bacon, Darla Fay, Nicholas Carella, William ‘Big Sleeps’ Stewart, Daryl Winter, Kyle Hunter

Durata: 100 minuti

Un film di: Jonathan Levine

Data di uscita: 2 marzo 2012

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here