Home / Biografici / Yves Saint Laurent

Yves Saint Laurent

Onesto nella sua Follia.
Pulito nella sua Sporcizia.
Perfetto e Pieno di Spigoli come solo i Geni sanno davvero essere.
(Su Yves Saint Laurent)

Sono queste le parole che, spontaneamente, il mio cervello ha partorito senza sforzo alcuno mentre veniva rapito dalle splendide immagini di una pellicola che non vuole analizzare, sezionare o giudicare la vita di un’icona. No, quello a cui aspira è invece fotografarla per quella che è stata, con tutti gli alti e i bassi che ogni persona con delle doti superiori sa in cuor suo di avere. Già, in cuor suo. Perché Yves Saint Laurent la sua testa l’ha usata per creare, mentre il suo cuore lo ha utilizzato per vivere. Ed è proprio qui che emerge il genio del personaggio e la meraviglia di questo film, capace di sovrapporre, contrapporre e confrontare tutte le contraddizioni della figura che ha riscritto la storia della moda mondiale. Odioso nell’amare, geloso nel dare, ambizioso senza una meta a cui arrivare. Una storia profonda quella del principe della moda, che inizia nel 1957 quando il ragazzo, allora solo 21enne, viene scelto per succedere a Christian Dior, appena morto, come capo della sua grande casa di moda. Ed è proprio durante la sua prima sfilata per Dior che Yves conosce Pierre Bergé, che oltre ad essere l’amore di tutta la sua vita diventerà suo socio in affari  fondando con lui alcuni anni dopo la Yves Saint Laurent Company, un marchio destinato a scalare le classifiche del lusso di tutto il mondo. Il film ripercorre la storia tra i due uomini grazie alle parole di Bergé e ad una fotografia semplicemente stupefacente. Bravissimo Pierre Niney nei panni del protagonista e come sempre eccezionale Guillaume Gallienne che ormai non stupisce più con le sue caratterizzazioni davvero high level. Ma, permettetemi, è Pierre a rubare tutta la scena questa volta: i suoi sguardi, le sue pose, il suo impegno maniacale nel lavoro, la sua energia pronta a scoppiare in qualsiasi momento e la sua adorazione per lo stile e il bello è qualcosa che è difficile spiegare a parole. A fare da palcoscenico a tutto questo le creazioni del grande artista, capaci di far innamorare anche i palati più difficili, e le musiche forti e pronte a glorificare l’esistenza di una persona che per viverla l’ha consumata fino al suo midollo stesso.

Semplicemente, film così bello che mette i brividi.

Onesto nella sua Follia. Pulito nella sua Sporcizia. Perfetto e Pieno di Spigoli come solo i Geni sanno davvero essere. (Su Yves Saint Laurent) Sono queste le parole che, spontaneamente, il mio cervello ha partorito senza sforzo alcuno mentre veniva rapito dalle splendide immagini di una pellicola che non vuole analizzare, sezionare o giudicare la …

Review Overview

AMAZING STARS

Da non perdere

Summary : Sguardi, pose, impegno maniacale nel lavoro, energia pronta a scoppiare e adorazione per lo stile e la bellezza. Musiche forti, fotografia stupefacente, recitazione di alto livello. La storia profonda del principe della moda, film così bello che mette i brividi.

User Rating: 4.75 ( 1 votes)
90

Yves Saint Laurent - Locandina

 Yves Saint Laurent

Genere: Biografici, Drammatici

Cast: Pierre Niney, Guillaume Gallienne, Charlotte Lebon, Laura Smet, Marie de Villepin, Xavier Lafitte, Nikolai Kinski, Judi Beecher, Rani Bheemuck, Ruben Alves, Anne Alvaro, Marianne Basler, Janicke Askevold, Astrid Whettnall, Jeanne Dandoy, Michèle Garcia, Yvonne Gradelet

Un film di: Jalil Lespert

Durata: 100 minuti

Data di uscita: 27 marzo 2014

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close