Home / Commedia / Vijay – Il mio amico indiano
Vijay – Il mio amico indiano

Vijay – Il mio amico indiano

Non ci posso credere: sei stato cacciato dal tuo funerale.
(Julia – Patricia Arquette)

Simpatica commedia del regista Sam Garbarski (autore del film Irina Palm) accompagnato dalla produzione di Entre Chien et Loup (Belgio), Samsa Film (Lussemburgo) e Pandora Filmproduktion (Germania). Presentato allo scorso Festival del film Locarno 2013 e ambientato negli Stati Uniti e precisamente a New York, dove Will Wilder (interpretato da Moritz Bleibtreu) sta passando un periodo di depressione perché insoddisfatto della propria vita e del fatto che da attore incompreso si trova ad interpretare la parte di un coniglietto verde in uno show televisivo per bambini. Nel giorno del suo 40° compleanno sembra che la sua famiglia e i suoi amici si siano dimenticati di lui, sconcertato dall’accaduto, Will scappa dal lavoro per poi ritrovarsi vittima di un furto d’auto ed un susseguirsi di spiacevoli eventi portano tutti a credere che sia morto. Will apprende la notizia della sua scomparsa la mattina successiva da un telegiornale, così decide di partecipare al suo funerale per vedere le reazioni dei suoi conoscenti e soprattutto sapere cosa pensano veramente di lui. Con l’aiuto del suo amico Rad assume le vesti di Vijay Singh un uomo distinto e galante di origine indiana. La moglie di Will, Julia (interpretata da Patricia Arquette) rimane subito colpita da Vijay dal quale si sente affascinata e lusingata, così in poco tempo si trova a corteggiare la propria vedova o “moglie”. Will inizierà a conoscere delle verità molto forti su di sé e si troverà a confrontarsi con un nuovo problema, la sua nuova identità, il suo nuovo modo di essere e di vedere la vita gli piace molto di più di quello che aveva sempre vissuto fino a quel momento essendo Will. Il riscoprire e rivivere nuove emozioni, riuscire di nuovo a credere in se stesso e nelle proprie capacità e sentirsi finalmente un uomo realizzato riconquistando la stima di sua figlia e l’amore di sua moglie gli permette anche di capire cosa veramente Julia volesse in un rapporto di coppia e cosa gli era mancato in molti anni di matrimonio. Tutto questo fa di Will una persona nuova. Penso che questo film riesce a trasmettere a pieno il pensiero del regista, in cui l’autoironia è il rimedio universale contro tutti i più piccoli e i più grandi problemi della vita. E’ un racconto divertente sulle seconde possibilità della vita, quelle che comunque tutti noi vorremmo avere per poter riaffrontare tante situazioni che credevamo effimere in modo diverso, ma soprattutto per cercare di vivere le abitudini e la quotidianità che ci porta pian piano a perdere tutto il nostro essere, presi da mille cose finiamo nel scordarci di chi siamo ma soprattutto di chi abbiamo accanto, perciò si dovrebbe vivere ogni giorno come fosse l’ultimo e poi diciamolo, a chi non piacerebbe assistere al proprio funerale per sapere cosa le persone pensano di noi. Due attori protagonisti: Moritz Bleibtreu, attore tedesco e figlio d’arte è arrivato negli USA per fare carriera, ha sentito subito suo questo film ed è stato in grado di interpretarlo con molta semplicità. Lo sfondo di questa pellicola parla proprio della migrazione di molti artisti tedeschi verso l’America negli anni Trenta e QuarantaPatricia Arquette, attrice di fama internazionale anche per la sua interpretazione nel serial Medium dove si è aggiudicata il Golden Globe come migliore attrice, è riuscita a passare da momenti di travolgente passione con Vijay ad attimi di cocente rabbia su chiunque infierisse sul marito Will con parole poco appropriate, ed è proprio questo suo cambio di interpretazione che la rende perfetta per il ruolo. Il tema che Garbaski ha voluto sollevare come quello della morte per andare oltre è molto difficile ma il regista è riuscito a fare un connubio di ironia e dramma, argomenti al quali Garbaski prende spunto in molti suoi film. Un film piacevole da vedere.

Non ci posso credere: sei stato cacciato dal tuo funerale. (Julia – Patricia Arquette) Simpatica commedia del regista Sam Garbarski (autore del film Irina Palm) accompagnato dalla produzione di Entre Chien et Loup (Belgio), Samsa Film (Lussemburgo) e Pandora Filmproduktion (Germania). Presentato allo scorso Festival del film Locarno 2013 e ambientato negli Stati Uniti e precisamente …

Review Overview

AMAZING STARS

Buono

Summary : Pellicola che parla della migrazione di molti artisti tedeschi verso l’America negli anni Trenta e Quaranta. Racconto divertente sul vivere le abitudini e la quotidianità senza scordarci chi siamo e vivendo ogni giorno come fosse l’ultimo.

User Rating: 2.45 ( 1 votes)
65

 Vijay - Il mio amico indiano - Locandina

Vijay – Il mio amico indiano

Genere: Commedia

Cast: Moritz Bleibtreu, Patricia Arquette, Danny Pudi, James Michael Imperioli, Catherine Missal, Jeannie Berlin, Moni Moshonov, Hanna Schygulla, Michael Gwisdek

Un film di: Sam Garbarski

Durata: 96 minuti

Uscita: Giovedì 13 febbraio 2014

About Laura Lunadei

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close