Home / Biografici / Vittoria e Abdul
Vittoria e Abdul

Vittoria e Abdul

Ho appena compiuto 81 anni, e ho quasi 1 miliardo di sudditi. Siedo sul trono da 62 anni e sono il monarca che ha regnato più a lungo in tutta la Storia.
(La Regina Vittoria – Judi Dench)

La Regina Vittoria: Che cosa è un mango?
Abdul Karim: È il re dei frutti.
(La Regina Vittoria e Abdul Karim – Judi Dench e Ali Fazal)

Il giovane Abdul Karim fa il contabile in una prigione indiana quando per un fortunato incrocio di casualità il Governo Inglese, sotto il cui controllo si trova l`India alla fine del 1800, lo manda a Londra come valletto che dovrà consegnare un regalo nientemeno che alla Regina Vittoria, il sovrano più longevo della Storia.

Un solo importante ordine sarà impartito ad Abdul Karim: non guardare mai la Regina negli occhi. Contravvenendo alle direttive ricevute, lo sguardo di Abdul si incrocia con quello di Vittoria, e questo porterà a far diventare Abdul prima un servitore, poi il segretario e infine il Munshi, cioè il maestro spirituale della Sovrana. Ma il resto della corte, guidata dal figlio Bertie, è contro l`uomo e farà di tutto per screditarlo.

Biografia storica con elementi in parte di commedia ma in parte maggiore di dramma che riesce a raggiungere complessivamente il proprio obbiettivo con però dei doverosi distinguo che lo rendono solo un film bello ma non meraviglioso. La prima cosa che possiamo notare nella pellicola, se un minimo si conosce lo stile del maestro Stephen Frears che la dirige, è una forte assenza di quelle battute tipiche del tradizionale humor inglese di cui il regista è sempre stato un grande sostenitore e nel cui uso si è costantemente dimostrato professionista d`avanguardia. Comunque questo leggero cambio di rotta da parte di Frears non si nota molto, soprattutto nella prima parte della storia, dove si ride per le battute paradossali dei 2 indiani di fede musulmana (per la verità si ride moltissimo a quelle del bravissimo Mohammed alias Adeel Akhtar). Ed è proprio nel suo essere, non sappiamo se volutamente o meno, un film spiccatamente politico che troviamo il primo dei 2 grossi talloni d`achille della trama. Se vogliamo parlare di un rapporto umano tra due persone di estrazione socio-culturale molto diversa, visto quello che sta succedendo nel mondo intorno a noi non ne andiamo a scegliere, tra tutti gli indiani e le loro storie di degrado e conseguente elevazione di classe, proprio uno di religione musulmana, e non lo andiamo a descrivere come Santa Maria Goretti. La lente politica buonista quindi c`è e si vede eccome, cercando di dipingere come le migliori persone presenti il giovane musulmano sunnita con la moglie che porta il burka, e la vecchia Regina stanca, e mettendo l`età anagrafica dei singoli come valore dell`età storica delle due culture, quella occidentale e quella musulmano sciita. Il secondo e più grande tallone d`Achille è dato dalla scelta dei protagonisti, riuscita solo a metà. Judi Dench è una Regina perfetta nei modi burberi ma nobiliari, e trasmette sentimenti chiari e trasparenti. Lo stesso, purtroppo, non posso dire di Abdul Karim alias Ali Fazal: ottimo per tre quarti della storia quando c`è da ridere e scherzare (sarà un grande comico a mio avviso), il ragazzo non trasmette invece alcun sentimento di sofferenza quando si tratta di piangere e comunicare empatia e partecipazione ai momenti bui di Judi Dench, risultando distante e distaccato in un modo che lascia lo spettatore lontano dalle sensazioni che invece avrebbe dovuto provocare. Tutto questo quasi nulla toglie ad un film che merita di essere visto, con una ricostruzione storica meravigliosa e con una fotografia di alto livello, per non dire del trucco e dei costumi.

Ho appena compiuto 81 anni, e ho quasi 1 miliardo di sudditi. Siedo sul trono da 62 anni e sono il monarca che ha regnato più a lungo in tutta la Storia. (La Regina Vittoria – Judi Dench) La Regina Vittoria: Che cosa è un mango? Abdul Karim: È il re dei frutti. (La Regina …

Review Overview

AMAZING STARS

Da Vedere

Summary : Biografia storica con elementi di dramma che raggiunge il proprio obbiettivo con alcuni distinguo che la rendono bella ma non meravigliosa. Descrizione riuscita del rapporto umano rapporto umano tra due persone di estrazione socio-culturale molto diversa, ottima Judi Dench, pecche per Ali Fazal.

User Rating: 3.5 ( 1 votes)
71
 Vittoria e Abdul

Genere: Biografici, Drammatici, Storici

Interpreti: Olivia Williams, Judi Dench, Michael Gambon, Eddie Izzard, Tim Pigott-Smith, Simon Callow, Adeel Akhtar, Fenella Woolgar, Julian Wadham, Ali Fazal.

Un film di: Stephen Frears

Durata: 112 minuti

Data di uscita: 26 Ottobre 2017

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close