Home / Drammatici / Via Castellana Bandiera

Via Castellana Bandiera

In realtà il blocco è pretesto per le due donne per guardarsi dentro.
(Rosa – Emma Dante)

Ogni esordio cinematografico per le caratteristiche di novità che porta con se è destinato a calamitare l’attenzione degli appassionati.

Nel caso di Via Castellana Bandiera, opera prima diretta da Emma Dante, questa tendenza è rafforzata dal fatto che il film era stato selezionato per una vetrina importante come quella del Festival del Cinema di Venezia, dove il film è passato in concorso. Alla pari di altri meritevoli colleghi, Emma Dante era la conferma di un trend festivaliero che negli ultimi anni aveva visto la presenza di registi provenienti da percorsi artistici estranei al mondo del cinema: dal drammaturgo Ascanio Celestini con il suo Pecora nera al disegnatore Gipì con L’ultimo terrestre, i responsabili del festival avevano aperto la settima arte alle contaminazioni suscitate dal potere d’attrazione che il cinema è in grado di innescare sul resto delle arti. In questo caso la regista siciliana rappresentava con la sua matrice teatrale il valore aggiunto di una storia che si annunciava quantomeno singolare.

Via Castellana Bandiera è infatti il nome della via a senso unico in cui si ritrovano una di fronte all’altra e senza intenzione di cedere il passo le automobili di Samira e Rosa, impegnate a riversare in quella presa di posizione i rispettivi problemi esistenziali. Samira è ridotta ad una larva dopo la morte della figlia scomparsa prematuramente per un male incurabile, Rosa si ritrova agli sgoccioli della relazione con Clara, la donna amata che sta accompagnando al matrimonio di un amico. Come nel coro di una tragedia greca le donne sono supportate dal sostegno degli abitanti del luogo divisi in fazioni che ne contraddistinguono credenze e sotterfugi. Nessuno ne uscirà indenne.

De Profundis di un’umanità in via d’estinzione e ritratto di un paese morente, Via Castellana Bandiera condivide con il giovane cinema d’autore italiano la visione di un Italia logora e fatiscente. Alla pari d’opere come L’intervallo di Valerio Di Costanzo e di Sangue di Pippo Delbono (ancora e colpevolmente senza distribuzione), il film di Emma Dante si apre su un day after urbano destinato a diventare il paradigma della precarietà esistenziale e materiale dei personaggi. Concentrato quasi per intero nella via del titolo, questa lavorazione è caratterizzato da una dialettica narrativa in continua oscillazione tra il particolare, riferito alle vicende personali dei protagonisti (con il passato doloroso e fuori campo a scavare un solco incolmabile tra le persone) e l’universale, rappresentato dal valore simbolico che la vicenda assume quando descrive gli espedienti di un mondo emarginato e ferito che sopravvive mettendo in scena una guerra civile tra poveri ed emarginati. Girato con stile nervoso ed insieme contemplativo, il film di Emma Dante ha il fascino dei film che riescono a rendere nuova una realtà abituale e sottovalutata. Cosi accade per il paesaggio siciliano, qui più che altrove visualizzato come uno spazio di frontiera dove l’eccezionale diventa normale (scopriamo infatti che diatribe come quella tra Samira ed Emma sono una consuetudine per gli abitanti del luogo) ed in cui il moderno della nostra contemporaneità, qui rappresentato dai costumi emancipati di Rosa e Clara, amanti senza alcuna paura e sotterfugio, deve fare i conti con una civiltà arcaica ed immobile, raffigurata dalla famiglia di Samira, dominata da un assolutismo maschile opprimente e rozzo, a cui solo la morte può sottrarre.

Astrazioni che il film fatica a coniugare con la progressione della storia che si avvale di espedienti narrativi deboli (l’amicizia di Clara con il nipote di Samira è uno di questi) per dare respiro ad un racconto che fatica a superare l’evento da cui è scaturita. Cortometraggio espanso all’impossibile, Via Castellana Bandiera ha trovato il modo di farsi onore grazie al premio attribuito all’ottantenne Elena Cotta scelta come miglior attrice della manifestazione veneziana.

In realtà il blocco è pretesto per le due donne per guardarsi dentro. (Rosa – Emma Dante) Ogni esordio cinematografico per le caratteristiche di novità che porta con se è destinato a calamitare l’attenzione degli appassionati. Nel caso di Via Castellana Bandiera, opera prima diretta da Emma Dante, questa tendenza è rafforzata dal fatto che …

Review Overview

AMAZING STARS

Sufficiente

Summary : Esordio in regia di Emma Dante, brave Emma Dante e Alba Rohrwacher. Ritratto di un paese morente e di un'Italia logora e fatiscente. Guerra civile tra poveri ed emarginati, ha espedienti narrativi deboli ed è cortometraggio espanso troppo.

User Rating: 2.9 ( 1 votes)
59

via-castellana-bandiera-emma-dante-alba-rohrwacher-elena-cotta-locandina

Via Castellana Bandiera

Genere: Drammatici

Cast: Emma Dante, Alba Rohrwacher, Elena Cotta, Renato Malfatti, Dario Casarolo, Carmine Maringola, Sandro Maria Campagna, Elisa Parrinello, Daniela Macaluso, Marcella Colaianni, Giacomo Guarnieri, Giuseppe Tantillo

Un film di: Emma Dante

Durata: 94 minuti

Data di uscita: 18 Settembre 2013 (Italia)

About Carlo Cerofolini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close