Home / Azione / Transformers 4 – L’era dell’estinzione
Transformers 4 – L’era dell’estinzione

Transformers 4 – L’era dell’estinzione

Optimus, noi siamo umani, gli umani sbagliano e certe volte é dai loro sbagli che danno il loro meglio.
(Cade – Mark Wahlberg)

Ormai sono passati cinque anni dalla terrificante battaglia che ha distrutto la città di Chicago, e da allora dentro gli esseri umani permane un forte senso di diffidenza rispetto ai Transformers: malgrado questi ultimi li abbiano salvati più di una volta, il rapporto tra le due razze non riesce a partire nel modo giusto.  Tutto questo peggiora ancora di più proprio quando la CIA decide di eliminare a modo suo i Transformers uno dopo l’altro.

Questa sorte tocca a tutti, perfino a Optimus Prime fino a che l’inventore Cade Yeager lo trova per pure caso in una discarica. Proprio allora la Terra riceve una visita tanto sgradita quanto inaspettata: qualcuno sta provando ad invadere il nostro pianeta, e non è ne gentile ne utilizza metodi che hanno qualcosa di assimilabile a dei sentimenti. Come potranno le due razze salvare se stesse da questa terribile minaccia?

Azione e fantascienza sono di nuovo i leitmotiv del quarto episodio della saga dedicata ai robot creati dalla Hasbro che tanto hanno avuto successo in tutto il mondo. Michael Bay decide questa volta di fare alcuni cambiamenti rispetto alle edizioni precedenti: prima di tutto a livello di attori il ruolo del protagonista non è più Shia LaBeouf ma Mark Wahlberg: la differenza fisica e di recitazione tra i due attori è impressionante e questo influisce in parte ad una leggera perdita di forza della storia – intendiamoci: i due mi piacciono entrambi come ho più volte detto, ma probabilmente Shia è più animale da film per ragazzi (almeno in alcune sue interpretazioni) di Mark che ai miei occhi appare più come un’action man. Detto questo ciò che fa riguadagnare tono a tutta la storia sono proprio i Transformers, sempre più strutturati, divertenti e pieni di creatività da parte dello staff del film, questa volta in grado davvero di superare se stesso per gli effetti speciali. Ambientazioni piacevoli aiutano inoltre a scoprire la realtà americana in zone forse meno battute e conosciute ai più ma sicuramente affascinanti e piene di stimoli. Intrigante la forte dicotomia che si crea in una fase della storia tra robot – in quanto esseri provenienti da un’altro pianeta al pari dei nuovi invasori della Terra – ed esseri umani, una distanza che la situazione in essere obbliga entrambi giocoforza a superare, pena la loro scomparsa dalle scene per sempre. Ho trovato quest’ultima parte molto educativa per i ragazzi che vedranno il film, una sorta di monito per cercare di far riavvicinare il più possibile coloro che sono lontani, almeno nei momenti in cui questo non è evitabile. E tutto questo non è poco.

Optimus, noi siamo umani, gli umani sbagliano e certe volte é dai loro sbagli che danno il loro meglio. (Cade – Mark Wahlberg) Ormai sono passati cinque anni dalla terrificante battaglia che ha distrutto la città di Chicago, e da allora dentro gli esseri umani permane un forte senso di diffidenza rispetto ai Transformers: malgrado …

Review Overview

AMAZING STARS

Buono

Summary : Ultima parte molto educativa per i ragazzi, una sorta di monito per far riavvicinare coloro che sono lontani. Effetti speciali di altissimo livello. Ottimi i Transformers, meno gli attori in carne e ossa. Buon film che coniuga azione, divertimento e fantascienza.

User Rating: 3.6 ( 1 votes)
65

Transformers 4 - L'era dell'estinzione - Locandina

Transformers 4 – L’era dell’estinzione

Genere: Azione, Fantascienza

Cast: Mark Wahlberg, Stanley Tucci, Kelsey Grammer, Nicola Peltz, Jack Reynor, Bingbing Li, T.J. Miller, Abigail Klein, Sophia Myles, Peter Cullen, Titus Welliver, King, Victoria Summer, Cleo King, Geng Han, Kristin Miller White, John Goodman, Ken Watanabe

Un film di: Michael Bay

Durata: 127 minuti

Data di uscita: 16 Luglio 2014

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close