Home / Biografici / Tracks – Attraverso il deserto

Tracks – Attraverso il deserto

Mi piace pensare che una persona qualunque sia capace di una qualsiasi cosa.
(Robyn Davidson – Mia Wasikowska)

Robyn Davidson è una ragazza australiana che da tanti anni sta progettando quello che è il suo vero e proprio sogno del cassetto, cioè attraversare il deserto australiano accompagnata solo da 3 cammelli e il suo cane Diggity.

Una traversata che non ha nulla di semplice, considerando il fatto che spesso oltre alla lunghezza di 2700 kilometri, che si dipana da Alice Springs all’Oceano Indiano, dopo 2/3 anni di preparazione la ragazza si ritroverà nel deserto forse più arido del pianeta. A darle una mano i finanziamenti ottenuti dal National Geographic che le impone di incontrare però ogni tanto la presenza di Rick Smolan, fotografo dai modi bizzarri, a cui sarà deputato a documentare un’impresa in cui nessuno era mai riuscito prima.

Una buona musica e una fotografia eccellente fanno da ambientazione ad una pellicola che si sviluppa dentro spazi eccezionali, facendo subire a tutti noi il notevole fascino del deserto australiano. Ma questo è l’ambiente di questo ottimo lavoro, un viaggio catartico che la protagonista decide di svolgere per cercare di affrontare il problema di una morte familiare che ha lasciato dentro di lei un peso che definire forte non rende in pieno il valore di questo. La stessa protagonista è Mia Wasikowska, attrice già ammirata in Stoker o in Alice in Wonderland di Tim Burton, che fornisce qui di una prova maiuscola nel ruolo di una donna sensibile, esistenziale e totalmente vera. Grande risalto assume poi nella storia la questione razziale presente in Australia verso gli aborigeni, popolo che originariamente abitava quei luoghi. Inoltre si sottolinea fortemente anche tutto ciò che il rapporto con la natura, con i suoi spazi immensi e in particolare con gli animali che vi abitano, verso cui gli esseri umani troppo spesso hanno un trattamento cattivo. Curiosa in questo senso la storia dei cammelli che, originariamente importati dall’uomo 200 anni prima, ora si sono moltiplicati e sono presenti in maniera stabile e selvatica all’interno del deserto australiano. Una trama essenzialmente semplice, quindi, ma una capacità di entrare nell’animo umano che pochi hanno avuto precedentemente, tutto per riuscire a farci sentire lo stato interiore di Robyn e la sua capacità di usare la traversata ai confini del possibile come una liberazione profonda e completa dalle proprie paure e dal proprio nervosismo. La protagonista dice esplicitamente il suo no all’inazione e alla mancanza di concretezza che dirige la vita di quasi tutti i suoi coetanei, forte del fatto che questa esperienza di solitudine estrema possa avere valore in una società che va verso un contatto sempre più continuo e diretto – fondamentali qui i riferimenti del regista John Curran al mondo di oggi, iperconnesso e sempre online, dove si è perso il valore del silenzio e della solitudine. Uno dei migliori film dell’anno, da non perdere!

Mi piace pensare che una persona qualunque sia capace di una qualsiasi cosa. (Robyn Davidson – Mia Wasikowska) Robyn Davidson è una ragazza australiana che da tanti anni sta progettando quello che è il suo vero e proprio sogno del cassetto, cioè attraversare il deserto australiano accompagnata solo da 3 cammelli e il suo cane …

Review Overview

AMAZING STARS

Da non perdere

Summary : Buona musica, fotografia eccellente, uso degli spazi eccezionale. Ottima Mia Wasikowska, interessante come sono trattati la questione razziale e il rapporto tra esseri umani, natura e animali. Viaggio catartico per superare una morte familiare. Ritorno di valore per la solitudine.

User Rating: 5 ( 1 votes)
89

Tracks - Attraverso il deserto - Locandina

 Tracks – Attraverso il deserto

Genere: Drammatici, Biografici

Cast: Mia Wasikowska, Adam Driver, Emma Booth, Rainer Bock, Jessica Tovey, Robert Coleby, Tim Rogers, Melanie Zanetti, John Flaus, Lily Pearl,Darcy Crouch, Felicity Steel, Daisy Walkabout, Roly Mintuma

Un film di: John Curran

Durata: 107 minuti

Data di uscita: 29 aprile 2014

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. E' ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close