Home / Drammatici / The Tree of Life
The Tree of Life

The Tree of Life

“L’unico modo per essere felici è amare. Se non ami, la tua vita passerà in un lampo. Fai del bene. Meravigliati. Spera.”
(La signora O’Brien – Jessica Chastain)

“Le suore ci hanno insegnato che ci sono due vie per affrontare la vita: la via della Natura e la via della Grazia. Tu devi scegliere quale delle due seguire. La Grazia non mira a compiacere se stessa. Accetta di essere disprezzata, dimenticata, sgradita. Accetta insulti e oltraggi. La Natura vuole solo compiacere se stessa e spinge gli altri a compiacerla. Le piace dominare, le piace fare a modo suo. Trova ragioni di infelicità quando tutto il mondo risplende intorno a lei e l’amore sorride in ogni cosa. Ci hanno insegnato che chi ama la via della Grazia non ha ragione di temere. Io ti sarò fedele, qualsiasi cosa accada…”
(La signora O’Brien – Jessica Chastain)

“Se sei buono, la gente se ne approfitta. Tanti grandi dirigenti lo sai come sono arrivati dove sono? Si sono barcamenati in mezzo alla corrente. Non permettere a nessuno di dirti che non puoi fare qualcosa. Non fare come me, promettimelo. Io sognavo di diventare un grande musicista ma mi sono lasciato distrarre. Ero in attesa che succedesse qualcosa, e quel qualcosa era l’attesa. È la vita e va vissuta!”
(Il signor O’Brien – Brad Pitt)

1950, Texas.

La madre di Jack è una donna dolce e molto protettiva, suo padre invece è troppo pieno di sè e desideroso di comandare in modo rude e duro, anche se fondamentalmente buono. Preso a metà tra due modi di essere e di vivere agli antipodi, Jack si troverà insieme ai due fratelli a dover fare delle scelte di comportamento non sempre facili.

A questo si aggiunge il dramma, che arriva all’improvviso con tutta la sua forza dirompente, rendendo le cose molto più difficili per tutti. Vita e morte, bellezza e Natura, religione e ateismo, tutte parti de l’albero della vita, tutti elementi di una famiglia normale degli Stati Uniti d’America.

Lo dico subito e senza mezzi termini: con un maestro come Terrence Malick c’è poco da fare, il suo lavoro o lo si ama allo spasimo o lo si odia all’eccesso, e il mondo è diviso molto bene nelle due macro-categorie che ho appena descritto. Non fa eccezione questo film, che dei lavori del grande maestro quali La rabbia giovane (1973) e soprattutto La sottile linea rossa (1998) e The New World – Il nuovo mondo (2006) è forse il più complesso e quello di più difficile lettura. Il valore artistico dell’opera è immenso, e lo è da qualsiasi fuoco noi la si voglia guardare. le riprese sono eccezionali e ogni elemento visivo è curato nei minimi dettagli, con una fotografia che rasenta la perfezione. La musica è magistrale e viene usata insieme agli effetti speciali con intelligenza e gran gusto, risultando potente ed efficace ma allo stesso tempo leggera e non eccessivamente invasiva. Anche la recitazione degli attori è ottima; in particolare colpiscono Brad Pitt e Jessica Chastain decisamente sopra le righe. Se un difetto si deve trovare a questo film sta nell’eccessiva voglia del regista di specchiarsi dentro se stesso, producendo quindi una pellicola che farà annoiare e forse addirittura addormentare la massa abituata a ben altro tipo di film, e risulterà di difficile comprensione anche a quel nucleo di cultori del cinema d’autore che correranno al cinema a vederlo. Un capolavoro per pochi, che ci piacerebbe potessero diventare la maggioranza: in fondo, chi di noi non potrebbe riconoscersi nel protagonista da bambino o in uno dei suoi genitori, chi potrebbe non amare la fase del film dedicata alle spettacolari immagini del Big Bang terrestre?!?!??? Basta solo lasciarsi andare e farsi trascinare dalla magia di Malick e dalle sue immagini, cercando di viverle senza usare troppo la ragione, provando a sentire invece che a pensare e ragionare. Insomma, tentando davvero di vivere pienamente ogni singolo istante della nostra vita. Io ci ho provato, e in certi momenti … ci sono riuscito. Grazie, Terrence.

“L’unico modo per essere felici è amare. Se non ami, la tua vita passerà in un lampo. Fai del bene. Meravigliati. Spera.” (La signora O’Brien – Jessica Chastain) “Le suore ci hanno insegnato che ci sono due vie per affrontare la vita: la via della Natura e la via della Grazia. Tu devi scegliere quale …

Review Overview

AMAZING STARS

Da Non Perdere

Summary : Valore artistico dell'opera immenso, riprese eccezionali, fotografia perfetta, musica magistrale, recitazione degli attori ottima. Capolavoro forse per pochi e da vivere senza usare la ragione.

User Rating: 4.5 ( 1 votes)
85
The Tree of Life - Locandina

The Tree of Life

Genere: Drammatici, Fantasy

Cast: Brad Pitt, Sean Penn, Jessica Chastain, Fiona Shaw, Joanna Going, Hunter McCracken, Laramie Eppler, Tye Sheridan, Jackson Hurst, Lisa Marie Newmyer, Crystal Mantecon, Tom Townsend, Jennifer Sipes, Tamara Jolaine, Will Wallace, Kimberly Whalen, Michael Showers, Danielle Rene, Margaret Hoard, Zach Irsik, Brayden Whisenhunt, Erinn Allison, Jodie Moore, Chris Orf, Cole Cockburn, Christopher Ryan, Alex Draguicevich, Robin Read, Anne Nabors

Un film di: Terrence Malick

Durata: 138 minuti

Data di uscita: 18 maggio 2011

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close