Home / Teatro / Taxi a due piazze
Taxi a due piazze

Taxi a due piazze

Dal 5 al 14 Maggio torna in scena al Teatro Marconi lo spettacolo Taxi a due piazze, che ha debuttato a Londra 31 anni fa rimanendo in scena ininterrottamente fino al 1992. I protagonisti Ingrassia e Gianluca Guidi sono affiancati da Renato Cortesi, Silvia Delfino, Francesca Bellucci, Claudio Zanelli e Stefano Bontempi. In Italia divenne popolare con Johnny Dorelli nella versione di Garinei e Giovannini, in seguito interpretata dal figlio, Gianluca Guidi, prima diretto da Gigi Proietti e poi regista lui stesso.

Il protagonista è il tassista Mario Rossi, interpretato da Gianluca Guidi, uomo dalla vita apparentemente ordinaria. Solo che egli è un bigamo che vive con la moglie Carla a Piazza Risorgimento e con la moglie Barbara a Piazza Irnerio. Riesce a barcamenarsi coi turni del suo lavoro e una pianificazione perfetta di orari e spostamenti, così riesce a tenere due donne totalmente inconsapevoli l’una dell’altra. Quando però, a causa di un colpo alla testa, il tassista viene ricoverato in ospedale lui fornisce due indirizzi di residenza diversi e iniziano i problemi con giornalisti curiosi, vicini di casa invadenti e ispettori di polizia chiamati ad indagare. A fianco di Mario Rossi c’è Walter Fattore, interpretato da Giampiero Ingrassia, sfaccendato vicino di casa che, saputa la verità sulla bigamia dell’amico, si ritroverà suo malgrado complice e protagonista degli eventi ricchi di equivoci, coincidenze, bugie a catena, scambi di identità, vari errori nel tentativo sempre più difficile di nascondere la verità.

La commedia basata sulla bigamia dà il via a una concatenazioni di situazioni sempre più equivoche e paradossali che sono facilmente esilaranti per il pubblico. Il cast stesso sembra divertirsi molto anche nella messinscena, anzi a volte le risate che scappano agli attori in scena sono anche fisiologicamente comprensibili ma, dopo un po’ di volte, si potrebbe ricordare l’importanza della concentrazione cui dovrebbero avere portato le tante repliche di questo spettacolo negli anni.

Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia sono grandi mattatori e artefici dei trucchi e delle bugie raccontati nella commedia, più di servizio al copione le interpreti femminili, forse anche per il ruolo che le vede vittime delle macchinazioni del marito, quasi sempre ignare di quel che succede.

Interessanti alcune invenzioni mimiche e prossemiche di Claudio Zanelli l’agente di polizia giovane. Un bel ritorno a teatro per Renato Cortesi, il brigadiere più anziano, cui è riservato un bel ruolo come analista delle presunte difficoltà familiari e come consulente di coppia, oltre a essere portatore di un delizioso contrasto tra il suo aspetto maturo e posato e alcune battute al confine con l’ambiguità sessuale, servite in un copione scoppiettante di situazioni particolari, soprattutto nella seconda parte.

Appare un po’ stereotipata oggi la rappresentazione dell’omosessualità parecchio fuori dalle righe di un vicino di casa, interpretato in maniera comunque impeccabile da Stefano Bontempi, nella voce, fisicità e movimenti. Tuttavia oltre all’età dell’opera va riconosciuto che in una commedia che celebra la relativa abilità del portare avanti due matrimoni, l’uno all’insaputa dell’altro, ogni elemento appare grottesco e adattabile. Vale quindi che pure gli uomini eterosessuali protagonisti possano anch’essi fingersi omosessuali, se questo può salvare il gioco ancora una volta.

Efficace la scenografia casalinga divisa idealmente in due, le due case con le due mogli di Mario Rossi, divisione sempre meno netta che è una divisione di situazioni che si sfiorano anche scenicamente, mentre i personaggi passano da una porta all’altra fino a incontrarsi quando vari nodi vengono al pettine. Si delinea quindi una regia ben orchestrata che sviluppa gli avvenimenti lentamente, partendo dalla situazione dei personaggi, mescolando le situazioni progressivamente, aumentando il ritmo e concentrando il caleidoscopio di battute e invenzioni, spesso irresistibili.

Dal 5 al 14 Maggio torna in scena al Teatro Marconi lo spettacolo Taxi a due piazze, che ha debuttato a Londra 31 anni fa rimanendo in scena ininterrottamente fino al 1992. I protagonisti Ingrassia e Gianluca Guidi sono affiancati da Renato Cortesi, Silvia Delfino, Francesca Bellucci, Claudio Zanelli e Stefano Bontempi. In Italia divenne popolare con Johnny Dorelli nella versione di Garinei e Giovannini, in seguito …

Review Overview

AMAZING STARS

Buono

Summary : Esilarante commedia degli equivoci e sotterfugi sostenuta dai mattatori Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia, con felici contributi degli altri interpreti. Tra questi l'inaspettata comicità del posato brigadiere interpretato da Renato Cortesi

User Rating: 3.5 ( 1 votes)
69

 

 Taxi a due piazze

Genere:  Teatro

Interpreti: Gianluca Guidi, Giampiero IngrassiaRenato Cortesi, Silvia Delfino, Francesca Bellucci, Claudio Zanelli, Stefano Bontempi

Regia: Gianluca Guidi

Di: Ray Cooney, versione italiana di Jaja Fiastri

Sede: Teatro Marconi, Viale Guglielmo Marconi, 698/E, Roma

Data di uscita: dal 5 al 14 maggio 2017 (dal venerdì alla domenica)

 

 

About Andrea Di Cosmo

Andrea è laureato in Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico. Segue e scrive di cinema e teatro, dopo aver coltivato e amato quest'ultimo personalmente, studiando teatro e canto e partecipando a spettacoli e Festival, in Italia e non solo. Ha scritto per varie testate tra cui Best Movie e Saltinaria, Cinespresso e Amazing Cinema. Nel suo percorso si occupa anche della promozione e organizzazione di eventi culturali, teatrali, musicali e turistici. Tra questi ci sono stati Musicultura, MArtelive, e il Levante International Film Fest.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close