Home / Avventura / Star Wars – Il Risveglio della Forza
Star Wars – Il Risveglio della Forza

Star Wars – Il Risveglio della Forza

Rey: Ci sono storie su quel che è successo.
Han Solo: È vero. Tutto quanto. Il Lato Oscuro, gli Jedi. Sono reali.
(Rey e Han Solo – Daisy Ridley e Harrison Ford)

Ciclicamente, la saga di Guerre Stellari, incominciata nel 1977 torna a diffondersi ed arricchire l’immaginario cinematografico e non solo. Il regista incaricato attuale J.J. Abrams si fa carico di riportare al cinema, con l’Episodio VII, una saga che ha creato mitologia. Così come fece per Star Trek (2009) crea un collegamento tra personaggi, vicende e ambientazioni storiche che continuano, introducendo nuovi personaggi che accolgano l’eredità di quelli vecchi e proseguano la storia in nuove avventure.
Luke Skywalker, lo Jedi che aveva collaborato con i ribelli della Repubblica alla sconfitta dell’Impero Galattico, sembra scomparso. Intanto il Primo Ordine nato dalle ceneri dell’Impero torna ad essere una minaccia.
L’estetica di questo film omaggia quella dell’originale Episodio IV del 1977, riportando attraversamenti del deserto, esplorazioni del Millennium Falcon dell’avventuriero Han Solo, con effetti speciali certamente aggiornati ma non invasivi dove il 3D valorizza alcune cose come le acrobazie di alcuni voli in astronave. La colonna sonora di John Williams che accompagna anche questo film dal celebre prologo con il Main Title a scorrimento rimane un carattere distintivo della saga.
Per gli spettatori di lunga data c’è una certa emozione nel rivedere gli interpreti della trilogia storica: Han Solo e il suo aiutante Chewbecca, la Principessa Leila, divenuta ora Generale dei Ribelli, oltre ai droidi C3PO e R2D2 all’interno di una sceneggiatura che sembra un passaggio di testimone. Sul versante delle novità ci sono cose interessanti.  Lo stormtrooper Finn, uno dei guerrieri cloni al servizio dell’Impero con gli scafandri bianchi che siamo solitamente abituati a vedere come anonimi esecutori in scene di gruppo, qui emerge visivamente a partire da una traccia di sangue lasciatagli sull’elmo da un compagno di battaglia. È il primo segno distintivo che ci fa vedere il guerriero iniziare a pensare e prendere iniziative ribelli, un cialtrone che inizialmente annaspa in una situazione più grande di lui ma che si ritaglia un ruolo personale nelle vicende, anziché seguire il percorso per cui è stato programmato.
Costruisce squadra con Rey, la mercante di rottami che diventa l’eroina femminile di questa storia. In osservanza con l’attualizzazione del franchise il potere femminile cui anche lo show business è molto attento, soprattutto ultimamente, inserisce una protagonista in un ruolo particolarmente attivo.
In assenza del carisma di Darth Vader che in qualche modo ha dominato i film precedenti, l’antagonista Kylo Ren, un affiliato del Primo Ordine, prova a prenderne il posto giocando sul limite intrinseco del confronto impossibile. Un affiliato del Male che si sente inadeguato al compito però ci prova. Effettivamente il carisma del personaggio manca ma quantomeno le premesse sono adeguatamente formulate. Lo scafandro scuro che indossa sembra più un omaggio al cattivo storico delle storie precedenti che un’effettiva necessità, quasi più un bisogno del nascente Primo Ordine a riprodurre un’icona piuttosto che creare una nuova figura.
Questo nuovo filone non sembra proprio un proseguimento dei film precedenti così come pensata dal suo inventore, George Lucas, che in questo nuovo filone non ha avuto voce in capitolo, ma ha ceduto la sua Lucasfilm alla Disney. Quindi, nonostante porti la dicitura continuativa di Episodio VII, questa pellicola appare come una rifondazione della saga che occhieggia al pubblico storico ma si orienta al nuovo che forse è quello che maggiormente apprezzerà il film, poiché non può fare confronti. Comunque, un film realizzato benissimo in quanto tale mentre lascia qualche curiosità su come si evolveranno le vicende. Questo in particolare a causa di due colpi di scena, di cui uno, su un personaggio, risulta particolarmente spiazzante.
Quanto il film vorrà ricucirsi filologicamente al resto della saga o approfondire gli spunti lasciati in questo nuovo solco forse sarà maggiormente valutabile con i prossimi episodi programmati.

Rey: Ci sono storie su quel che è successo. Han Solo: È vero. Tutto quanto. Il Lato Oscuro, gli Jedi. Sono reali. (Rey e Han Solo – Daisy Ridley e Harrison Ford) Ciclicamente, la saga di Guerre Stellari, incominciata nel 1977 torna a diffondersi ed arricchire l’immaginario cinematografico e non solo. Il regista incaricato attuale J.J. Abrams si fa …

Review Overview

AMAZING STARS

Da Vedere

Summary : Proseguimento della saga di Guerre Stellari, nelle mani di J. J. Abrams diventa ponte tra l'emozione del conosciuto e la curiosità del nuovo dove estetica, sonorità, effetti e personaggi si amalgamano in modo più o meno riuscito per occhieggiare al vecchio pubblico ma soprattutto abbracciare il nuovo.

User Rating: 3.2 ( 2 votes)
72
star-wars-il-risveglio-della-forza

Star Wars – Il Risveglio della Forza

Genere:  Azione, AvventuraFantascienzaFantasy

Cast: Harrison Ford, Carrie Fisher, Mark Hamill, Anthony Daniels, Peter Mayhew, Kenny Baker, John Boyega, Daisy Ridley, Adam Driver, Oscar Isaac, Andy Serkis, Domhnall Gleeson, Max von Sydow, Lupita Nyong’o, Pip Anderson, Crystal Clarke, Christina Chong, Miltos Yerolemou, Greg Grunberg, Warwick Davis, Jessica Henwick, Maisie Richardson-Sellers, Iko Uwais, Yayan Ruhian, Leanne Best, Gwendoline Christie

Un film di: J.J. Abrams

Durata: 136 minuti

Data di uscita: 16 dicembre 2015

About Andrea Di Cosmo

Andrea è laureato in Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico. Segue e scrive di cinema e teatro, dopo aver coltivato e amato quest'ultimo personalmente, studiando teatro e canto e partecipando a spettacoli e Festival, in Italia e non solo. Ha scritto per varie testate tra cui Best Movie e Saltinaria, Cinespresso e Amazing Cinema. Nel suo percorso si occupa anche della promozione e organizzazione di eventi culturali, teatrali, musicali e turistici. Tra questi ci sono stati Musicultura, MArtelive, e il Levante International Film Fest.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close