Home / Drammatici / Posh

Posh

Non sanno quando fermarsi.
(A proposito di quelli del Riot Club)

Oxford è la più antica e prestigiosa Università del Regno Unito, e le famiglie fanno a gara perché i propri figli riescano ad esservi ammessi. Come ogni università che si rispetti, anche Oxford ha i suoi club studenteschi, il più antico e noto dei quali è il Riot Club, il cui numero chiuso accoglie solo maschi in non più di dieci unità ogni anno, dieci persone che hanno nel destino quello di diventare delle fottute leggende.

Questa è la storia di alcuni studenti del Riot Club e in particolare di Miles e Alistair, entrambi provenienti da una famiglia aristocratica ma di carattere molto diverso, e della loro lotta che li porterà fino a delle conseguenze estreme inimmaginabili fino ad allora.

Dopo lo splendido successo di An EducationLone Scherfig dirige questo dramma che la vede andare fino in fondo a scavare dentro l’animo degli studenti universitari di oggi, in particolare quelli ammessi in un’istituto prestigioso e famoso come Oxford, dove per entrare servono tanti soldi e un background storico familiare di tutto rispetto.  La Scherfig non si fa certo pregare, e ci racconta proprio come si forma la classe dominante del futuro. Per farlo si affida ad uno studente ricco e dissoluto ma di buon cuore, ad un ragazzo cattivo dentro, ad una figura arrogante ed a una che è invece solo viziata. E mentre nel film citato precedentemente ad essere analizzata era la upper class femminile, qui il fuoco è centrato al 100% su quella maschile. Che poi lo sguardo di disprezzo con cui questi figli di papà miliardari guardano quella che da loro è chiamata borghesia che lotta per arrampicarsi a livello sociale e che di conseguenza si può comprare con i soldi sempre e comunque sia qualcosa di terrificante e allo stesso tempo affascinante lascia pochi dubbi sul fatto che siamo di fronte alla perfetta fotografia di un mondo che … sì, cambia, restando però alla fine sempre lo stesso. Idoli delle teenager a Roma proprio 3 giorni fa, i 3 protagonisti Max IronsSam Claflin e Douglas Booth hanno di fronte a loro un futuro cinematografico di sicuro successo. Bravi anche gli altri co-protagonisti maschili e Jessica Brown Findlay, la co-protagonista femminile. Capitolo a parte per la piccola parte interpretata da Natalie Dormer, mai vista in vita mia così a suo agio in un ruolo quale quello della prostituta d’alto bordo. Sottilmente ironico e spiazzante, dotato di una fotografia brillante che sfrutta le luci nella loro interezza, questa pellicola è decisamente posh, che in inglese vuol dire elegante, di lusso. Ebbene, signori: il regista ha fatto centro come non mai! Da non perdere!

Non sanno quando fermarsi. (A proposito di quelli del Riot Club) Oxford è la più antica e prestigiosa Università del Regno Unito, e le famiglie fanno a gara perché i propri figli riescano ad esservi ammessi. Come ogni università che si rispetti, anche Oxford ha i suoi club studenteschi, il più antico e noto dei …

Review Overview

AMAZING STARS

Da non perdere

Summary : Sottilmente ironico e spiazzante e con una fotografia brillante, questo film è decisamente posh, che in inglese vuol dire elegante, di lusso. Idoli delle teenager i protagonisti Max Irons, Sam Claflin e Douglas Booth e splendida prostituta d'alto bordo Natalie Dormer.

User Rating: 4.25 ( 1 votes)
85

Posh - Locandina

Posh

GenereDrammatici

Cast: Max Irons, Sam Claflin, Douglas Booth, Holliday Grainger, Freddie Fox, Natalie Dormer, Jessica Brown Findlay, Ben Schnetzer, Amanda Fairbank-Hynes, Jack Farthing, Sam Reid, Olly Alexander, Matthew Beard, Joey Batey, Tony Way, Michael Jibson, Xavier Atkins, Amber Anderson

Un film di: Lone Scherfig

Durata: 106 minuti

Data di uscita: 18 Settembre 2014

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close