Home / Animazione / Si alza il vento

Si alza il vento

Si alza il vento. Dobbiamo provare a vivere.
(Paul Valéry)

Il giovane Jiro Horikoshi è un ragazzo come tanti in quasi tutto. Quel quasi sta a sottolineare quella che è la sua passione viscerale che inizia nei sogni e si trasmette quindi alla sua vita reale, e cioè gli aeroplani. Ed è proprio nel mondo onirico che Jiro immagina di parlare con il conte Caproni, famosissimo ideatore italiano dei migliori modelli che il ragazzo stima e a cui l’uomo da, segretamente, tante idee e consigli.

Jiro è vittima del terremoto del 1922 che mette al tappeto l’intera nazione, trovando quindi poi lavoro alla Mitsubishi. La nota azienda manderà Jiro e altre persone in giro per il mondo a studiare i migliori modelli di aeromobili e al ragazzo tocca proprio la Germania, il paese da dove Horikoshi prenderà ispirazione per creare degli aerei più innovativi persino di quelli tedeschi, i famosissimi caccia da combattimento Zero, e il paese dove rivedrà finalmente la ragazza che aveva conosciuto nel terremoto del 1922 e che diventerà la donna della sua vita.

Il mondo dell’animazione giapponese ha conosciuto negli ultimi 10-15 anni un vero, grande maestro, e il suo nome è Hayao Miyazaki. Ne parlo al passato perché la pellicola che abbiamo appena visto è il suo messaggio d’addio a quel mondo che ne ha amato gli stili, la profondità e l’enorme sensibilità di livello assoluto. Miyazaki si ritira dalle scene, e lo fa in un modo tutto suo, con un anime all’inizio forse un po’ troppo lungo e lento ad ingranare (ma come stupirsi del resto? E’ della vita del Maestro che stiamo parlando!) ma che poi sviluppa una serie di tematiche destinate a restare nel cuore di tutti coloro che lo guarderanno. La prima e più importante, la forza dell’Amore, un sentimento che travalica i popoli e le culture, supera le barriere linguistiche e geografiche per imporsi in tutto il suo valore universale proprio quando e dove non sembra poterci essere più niente da fare. I fiori, però, crescono anche dove non è rimasto più nulla. La seconda, la forza della Tecnologia, capace di far toccare al corpo e alla mente umana dei livelli di conoscenza che in passato si potevano solo sognare, anche se ad un prezzo per il genere umano stesso che alle volte è troppo, troppo caro. Non di rado l’umanità si perde dentro la sua stessa voglia di vincere, rischiando l’autodistruzione. La terza, la forza della Vita e il valore che ogni singola di queste può avere per quelli che gli stanno vicino: su di questa, di nuovo anche la forza del Tempo che passa, Tempo di cui non dobbiamo sprecare neppure un’attimo, pienamente consci che è l’unica, vera cosa che nessuno potrà mai ridarci indietro. Un film meraviglioso, una storia toccante e un finale che sa tanto di addio, ma sottovoce e con il sorriso sulle labbra. La storia sarà al cinema per davvero pochi giorni, ma la troverete presto in libreria (si spera!): non ve la perdete, perché è davvero un gioiello degno di questo nome.

Si alza il vento. Dobbiamo provare a vivere. (Paul Valéry) Il giovane Jiro Horikoshi è un ragazzo come tanti in quasi tutto. Quel quasi sta a sottolineare quella che è la sua passione viscerale che inizia nei sogni e si trasmette quindi alla sua vita reale, e cioè gli aeroplani. Ed è proprio nel mondo …

Review Overview

AMAZING STARS

Da non perdere

Summary : Miyazaki si ritira dalle scene e lo fa in un modo tutto suo: un anime forse un po' troppo lungo che sviluppa tematiche destinate a restare nel cuore di tutti: la forza dell'Amore, la forza della Tecnologia e la forza della Vita insieme alla la forza del Tempo. Gioiello degno di questo nome.

User Rating: 4.85 ( 1 votes)
95

Si alza il vento - Locandina

Si alza il vento

Genere: Animazione, Ragazzi

Cast (voci): Hideaki Anno, Jun Kunimura, Mirai Shida, Shinobu Ohtake, Hidetoshi Nishijima, Steve Alpert, Miori Takimoto, Masahiko Nishimura, Keiko Takeshita, Mansai Nomura, Morio Kazama

Un film di: Hayao Miyazaki

Durata: 126 minuti

Data di uscita: dal 13 al 16 Settembre 2014

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close