Home / Interviste / Intervista ad Imelda Antonicelli, montatrice, sceneggiatrice, traduttrice e critica cinematografica
Intervista ad Imelda Antonicelli, montatrice, sceneggiatrice, traduttrice e critica cinematografica

Intervista ad Imelda Antonicelli, montatrice, sceneggiatrice, traduttrice e critica cinematografica

E’ esperta, competente, brava e piena di energia e abilità creativa in svariati settori, che comunque gravitano in maggioranza nel mondo del doppiaggio, dell’arte e della lavorazione dei video.

Lei è Imelda Antonicelli e l’abbiamo intervista per voi, in un viaggio alla scoperta dei migliori talenti italiani nel settore del cinema.

 

Potresti raccontarci qualcosa di Imelda Antonicelli?

Non è facile raccontare di se stessi agli altri, c’è sempre il rischio di sembrare autoreferenziali o dire così poco da peccare di falsa modestia; ma ci proverò.
Nasco come sceneggiatrice e approdo alla critica cinematografica nel 2000; nello stesso periodo in cui entro nel campo del doppiaggio, inizialmente come traduttrice e, negli ultimi anni, come traduttrice/adattatrice.
Nel 2004/5 ho esordito come produttore esecutivo per un cortometraggio (Halloween –6) realizzato su mia sceneggiatura e diretto da Marco Massaccesi. È stato allora che mi sono appassionata al montaggio: vedere Marco armeggiare con campo e controcampo immaginando già il momento in cui avrebbe montato le sequenze, mi ha affascinata.
In breve ho cominciato a realizzare booktrailer e video-tributi.

 

Attualmente di cosa ti occupi?

Più o meno di quanto già detto: traduzioni, adattamenti, recensioni cinematografiche, montaggio video, articoli culturali e/o a tematica etica; nonché stesura di romanzi, realizzazione di quadri in tecnica mista e custumizzazione di esclusive Barbie da collezione, o come si dice in gergo One Of A Kind.

 

Chi sei e quello che fai sono perfettamente interscambiabili, c’è qualcosa che esula dal campo “artistico”?

Sì, certo.
Sono un’amante degli animali e da quasi un anno sono diventata un membro del gruppo di recupero per l’ARF (Associazione Recupero Fauna).
Ci occupiamo prevalentemente di animali selvatici autoctoni ed alloctoni, ma spesso abbiamo a che fare con animali esotici come serpenti e iguane, o semplicemente con tartarughe acquatiche che molta gente acquista incautamente pensando che restino piccole e deliziose, ritrovandosi poi con esemplari di 30 cm e poco spazio in cui tenerli. Uno dei compiti dell’ARF è trovare una “casa” adeguata a questi animali.

 

Hai davvero molte passioni, ma c’è un sogno che vorresti realizzare?

Purtroppo più di uno, dato i miei molteplici interessi, ma al momento vorrei concentrarmi sulla possibilità di diventare una scrittrice con la “S” maiuscola.

 

Cara Imelda, questo è quello che tutti noi ti auguriamo presto.
In bocca al lupo!

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close