Home / Drammatici / Good Kill
Good Kill

Good Kill

Non chiedermi se sia una guerra giusta. Non sta a noi dirlo. Per noi è solo guerra.
(Ten. Col. Jack Johns – Bruce Greenwood)

Ispirato a fatti reali, questo è un film dal grosso potenziale quanto a riflessioni etico-morali sulle ‘nuove guerre’ senz’anima, sui drammi interiori di soldati tenuti ad eseguire gli ordini senza discutere e sulle cause del terrorismo.

Il Maggiore Tom Egan (Ethan Hawke) è un pilota di F-16 dal grande istinto e dalle notevoli capacità. Anziché operare sul campo in Iraq o Afghanistan, però, si trova relegato ad un lavoro d’ufficio, costretto a pilotare droni da una postazione a 7,000 miglia di distanza dalla guerra vera, in un silos militare alla periferia di Las Vegas. La guerra è diventata un videogioco. E per alcuni poco importa se premendo un pulsante in Nevada intere famiglie, donne e bambini inclusi, vengono spazzate via in Pakistan, Yemen o altri territori ‘ostili’: la morte è diventata anonima, o peggio, l’uccisione indistinta di chiunque si trovi nel raggio d’azione del missile diventa una tattica per estirpare il terrorismo.

Il dramma psicologico e morale di Tom Egan si articola in più livelli: “sono un pilota e non volo più” è l’angoscia più evidente, l’unica che per quasi tutto il film il Maggiore condivide col mondo e che potrebbe giustificare, in sé, la frustrazione crescente, l’alcolismo, le difficoltà relazionali con una moglie che non ne comprende l’importanza, l’insoddisfazione palpabile nel trascinarsi al lavoro ogni giorno. Ma vi è un dramma più profondo, ed è la sensazione, sempre sottintesa e mai manifestata, di combattere una guerra sbagliata, o una guerra giusta nel modo sbagliato. Chi sono i terroristi? I Talebani dall’altra parte del mondo, che seppelliscono i loro morti o vanno al mercato o giocano coi propri figli, o i cecchini che da una console di Las Vegas scagliano missili che sterminano padri, madri e figli senza quasi batter ciglio?

Ethan Hawke è perfetto nel ruolo del Maggiore Egan: taciturno, burbero, impassibile pur in tutta la sua angoscia. Solo gli occhi narrano del tormento interiore che lo scuote. Dopo Gattaca – La porta dell` universo (1997) e la sceneggiatura di The Truman Show (1998), Andrew Niccol non avrebbe mai potuto offrirci un film scontato e cliché. Forse ha reso il Colonnello Johns (Bruce Greenwood) un po’ troppo prolisso e palesemente costruito nei suoi discorsi di benvenuto alle reclute, e forse ha calcato un po’ sulla componente emozionale femminile (Vera SuarezZoë Kravitz) che mette in discussione la moralità degli ordini e la giustezza della guerra. Resta comunque una pellicola che lascia aperti interrogativi profondi e che dovrebbe essere ascoltata, più che vista, con estrema attenzione. Perché quella guerra non è ancora finita e forse l’irresponsabilità del combattimento trasformato in videogame ha solo contribuito ad alimentare l’odio e a trasformare bambini in terroristi.

Non chiedermi se sia una guerra giusta. Non sta a noi dirlo. Per noi è solo guerra. (Ten. Col. Jack Johns – Bruce Greenwood) Ispirato a fatti reali, questo è un film dal grosso potenziale quanto a riflessioni etico-morali sulle ‘nuove guerre’ senz’anima, sui drammi interiori di soldati tenuti ad eseguire gli ordini senza discutere …

Review Overview

AMAZING STARS

Da Vedere

Summary : Basato su una storia vera, il film narra di un pilota di caccia americano che si trova a pilotare droni militari da una base alla periferia di Las Vegas e di come l` uomo si sente in quel ruolo.

User Rating: 2.85 ( 1 votes)
71
Good Kill - Locandina

Good Kill

Genere: Drammatici, GuerraThriller

Attori: Ethan Hawke, Bruce Greenwood, Jake Abel, Ryan Montano, Dylan Kenin, Zion Leyba, January Jones, Sachie Capitani, Zoë Kravitz, Ross Shaw

Durata: 102

Un film di: Andrew Niccol

Data di uscita: 25 Febbraio 2016

About Stefania Rivetti

Laureata in lingue e letterature straniere con un master in marketing e uno in comunicazione d'impresa, appassionata di filologia, arte, archeologia, divoratrice compulsiva di libri. Fotografa per passione, curiosa per natura, ama il teatro, in particolare l'opera, e il cinema.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close