Home / Animazione / Free Birds – Tacchini in fuga

Free Birds – Tacchini in fuga

La nostra missione non è salvare dieci tacchini ma tutti i tacchini!
(Jake – Woody Harrelson)

Il un periodo storico compreso tra il presente e il futuro prossimo venturo, i tacchini crescono nelle campagne felici di essere cibo per gli esseri umani durante la Festa del Ringraziamento negli Stati Uniti. Questo perchè la famosa stupidità di questi uccelli non li fa neppure rendere conto di quello che gli sta per succedere!

Ma, per loro fortuna, non tutti i tacchini sono senza cervello: Reggie è un tacchino intelligente che ha trovato il modo di farsi ben volere nientemeno che dalla figlia del Presidente degli Stati Uniti, che decide di risparmiargli la vita nel Giorno del Ringraziamento. Reggie inizia allora una vita da re fin quando non conosce Jack, fondatore del Fronte per la liberazione dei tacchini, che gli racconta che, anni prima quando era ancora un tacchino in fasce, gli era apparso un’angelo che gli aveva detto che un giorno, nel futuro, lui avrebbe liberato tutti i tacchini del mondo dalle grinfie degli uomini. Ora quel giorno è arrivato, e Jack ha scelto Reggie per aiutarlo in questa difficile missione, facendolo andare indietro nel tempo con lui fino al 1621, nel giorno in cui è nata l’usanza di sacrificare tacchini nel Giorno del Ringraziamento.

Divertente, spigliato e adatto a tutte le categorie d’età: questi i principali pregi di un film che si fa amare anche grazie alle voci di due mostri sacri come Owen Wilson e soprattutto di un’astro in rapidissima ascesa come Woody Harrelson. Bella l’idea dei tacchini e solido l’assioma su cui si regge la storia, cioè la ben nota stupidità del pennuto che così spesso capita sulle tavole imbandite degli Stati Uniti, in particolare durante la Festa del Ringraziamento. Ed è prorio qui che vediamo una delle crepe di una pellicola pensata principalmente e quasi esclusivamente per il Mercato Statunitense, visto che molte delle freddure del film possono restare un po estranee a coloro che sono profani o quantomeno poco esperti delle dinamiche sociali di quella fetta di mondo. Buona la resa grafica dei personaggi anche se non fantastica, forse si poteva fare qualcosa in più ma d’altro canto il prodotto è pensato anche per un pubblico di ragazzi il quale è meno attento degli adulti ad alcuni particolari di questo tipo, avendo la tendenza a badare maggiormente al sodo. Non si potrà non trovare simpatici Reggie e tutta la sua allegra brigata nella loro avventura indietro nel tempo, a noi lo è stato con gli interessi!

La nostra missione non è salvare dieci tacchini ma tutti i tacchini! (Jake – Woody Harrelson) Il un periodo storico compreso tra il presente e il futuro prossimo venturo, i tacchini crescono nelle campagne felici di essere cibo per gli esseri umani durante la Festa del Ringraziamento negli Stati Uniti. Questo perchè la famosa stupidità …

Review Overview

AMAZING STARS

Sufficiente

Summary : Divertente, spigliato e adatto a tutte le categorie d'età. Questi i pregi di un film di animazione per ragazzi adatto a tutte le età. Bravi Owen Wilson e Woody Harrelson, buona la resa grafica e ben rappresentata la nota stupidità dei tacchini

User Rating: 1.23 ( 2 votes)
59

Free Birds - Tacchini in fuga - Locandina

Free Birds – Tacchini in fuga

Genere: Ragazzi, Animazione

Voci: Owen Wilson, Woody Harrelson, Amy Poehler, George Takei, Colm Meaney, Dan Fogler, Keith David, Jimmy Hayward

Un film di: Ash Brannon

Durata: 91 minuti

Data di uscita: 28 Novembre 2013 (Italia)

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

One comment

  1. bella recensione, a me mi ha troppo fatto venire voglia di verderlo!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close