Home / Drammatici / Barriere
Barriere

Barriere

Alcune persone costruiscono barriere per tenere fuori la gente, altre le costruiscono invece per tenerla dentro.
(Jim Bono – Stephen Henderson)

Pittsburgh, anni ’50. Il netturbino Troy Maxson ha una vita super attiva: un tempo grande giocatore di baseball, ora spesso canta canzoni e inventa storie per il suo amico Bono e per la sua famiglia composta dalla moglie Rose e  i 2 figli Lyons e Cory, con cui ha un rapporto conflittuale.

Troy ha anche un`amante che vede 1 volta a settimana e quando decide di raccontarlo a Rose la loro famiglia va in pezzi, complice anche il desiderio di Cory di diventare un giocatore di football, attività invita al padre che cerca a suo dire così di proteggerlo dai bianchi. Che destino ha riservato la vita per il futuro di Troy?

Dramma un pò lento ma interessante che ha due modalità di lettura molto diverse tra loro ma entrambe valide, anche se poi ciascuna riesce a mettere in campo valori, pesi e risultati nettamente diversi. La prima è quella del film fine a se stesso. Non si tratta di un capolavoro, ma la storia gira e tutto funziona in modo quasi perfetto, riuscendo a farci dire che si tratta di un`ottima pellicola. La parte del leone la fanno gli attori, indubbiamente ben scelti, tra i quali emergono un Denzel Washington in stato di grazia, una Viola Davis che ormai non sbaglia più un film ma soprattutto per ciò che mi riguarda un Mykelti Williamson fenomenale nel ruolo del folle zio Gabriel. Merito di questo va molto allo stesso Denzel, regista della storia, che è in grado di inserire ogni fase, momento, discussione, lite, momento felice o momento triste nella posizione esatta dove deve stare, trasferendo un senso quasi teatrale a tutto quanto. Questo senso teatrale della scena diventa paradossalmente il punto di debolezza di questa lettura, in quanto vi sono scene ripetitive e dialoghi troppo lunghi. La seconda lettura del film è invece quella legata al messaggio che vuole trasmetterci, a quello che davvero è capace di provocare dentro di noi. Ebbene, in questo caso il risultato è del tutto negativo, e le ragioni sono tante. La principale è la voglia del regista di dirci che un padre, anche se pieno di brutte qualità e autore di gesti che definire orrendi sarebbe un eufemismo, va rispettato sempre e comunque a prescindere da ciò che ha fatto per via proprio del suo essere genitore. Tutto questo fa orrore solo ad essere pensato. Mettendo insieme le 2 letture si può valutare questa storia come una buona pellicola, che non riesce però ad arrivare ai risultati che si era probabilmente prefissa.

Alcune persone costruiscono barriere per tenere fuori la gente, altre le costruiscono invece per tenerla dentro. (Jim Bono – Stephen Henderson) Pittsburgh, anni ’50. Il netturbino Troy Maxson ha una vita super attiva: un tempo grande giocatore di baseball, ora spesso canta canzoni e inventa storie per il suo amico Bono e per la sua famiglia …

Review Overview

AMAZING STARS

Buono

Summary : Dramma un pò lento ma interessante, dove tutto funziona in modo perfetto. Pellicola troppo teatrale con scene ripetitive e dialoghi troppo lunghi. Denzel Washington in stato di grazia, Mykelti Williamson fenomenale. Sbagliato e disarmante però il messaggio che il film comunica.

User Rating: 2.65 ( 1 votes)
61
Barriere - Locandina

 Barriere

Genere: Drammatici

Cast: Denzel Washington, Viola Davis, Stephen Henderson, Russell Hornsby, Mykelti Williamson, Jovan Adepo, Saniyya Sidney, Brandon Jyrome Jones, Dontez James, Mark Falvo, Kelly Moran

Durata: 138 minuti

Un film di: Denzel Washington

Data di uscita: 23 Febbraio 2017

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close