Home / Commedia / Piccole crepe, grossi guai
Piccole crepe, grossi guai

Piccole crepe, grossi guai

Tu puoi sottrarti alla sofferenze del mondo, sei libero di farlo. Ma probabilmente questo tuo sottrarti sarà il solo dolore che potrai evitare.
(Mathilde – Catherine Deneuve)

Assecondare o criticare gli altri, compiacerli o metterli in discussione? Come bisogna reagire quando una persona a cui vogliamo bene si perde in una brutta deriva, si isola e cade in depressione? Questa è la domanda profonda che ci pone questa nuova commedia francese di Pierre Salvadori, dal titolo italiano imbarazzante e ammiccante che poco a che fare con il tono del film. In un condominio parigino, come ce ne sono a migliaia in tutta Europa, si incontrano, si incrociano ed entrano in conflitto varie tipologie umane che, secondo le intenzioni degli autori, dovrebbero essere buffe e stralunate. C’è il piccolo spacciatore che si arrangia rubando e accumulando biciclette con il sogno di diventare un giorno un grande imprenditore, c’è il bravo e onesto cittadino ossessionato da chiunque possa entrare abusivamente nel palazzo e che di notte abbaia alla luna, il cane che sotto l’influsso della cocaina sbrana e fa a pezzi il plastico di un centro commerciale e c’è un disoccupato che ha perso casa, lavoro e famiglia per andare dietro a un’improbabile quanto delirante setta new age.

A testimone delle vicende fatte di ripicche e di stupide sopraffazioni, il neo assunto portiere, un musicista fallito che ha deciso di ritirarsi dal mondo e di trovare un po’ di pace tra il cortile e il monolocale, dove assume la sua dose quotidiana di droga. In questa stasi mentale e fisica, il tenero Antoine ha la fortuna di imbattersi in Mathilde, una Catherine Deneuve fuori posto in un appartamentino borghese e modesto, che non ha né il fascino opprimente dei film di Polanski, né la terribile bellezza delle ville milionarie delle vecchie glorie dei film di Billy Wilder.
Disturbata da come innaffia le piante, lei gli tira una pera sul collo provocandogli un brutto livido e da quel giorno scatta una grande amicizia. Senza un vero motivo apparente al di là di quello inesorabile dell’età, Mathilde sta attraversando una brutta crisi che rischia di portarla all’esaurimento nervoso. Nella parete del suo salotto appaiono delle allarmanti crepe. Per il marito basta coprirle con un’ordinaria carta da parati, ma per Mathilde sono la dimostrazione di qualcosa di peggio, che l’edificio sta per crollare e che l’intero quartiere sta per collassare su se stesso. Le fondamenta sono fragili e tutta la struttura, per quanto complessa ed elegante, finirà per accartocciarsi inghiottita dalla terra.

Metafora migliore del film non si poteva immaginare e ce la offre la stessa trama, elaborata dallo stessa regista in collaborazione con lo sceneggiatore David Colombo-Leotard. In bilico tra commedia e dramma che qui si sposano male, il film vorrebbe ricalcare i modelli della commedia all’italiana degli anni ’60 annacquandoli in un buonismo con troppi stereotipi.

Senza coraggio per il grottesco e con poca credibilità per la dimensione psicologica, si limita a mettere in scena una serie di episodi che scivolano uno dietro l’altro senza mai sorprenderci o illuminarci sulla natura del problema.

Tu puoi sottrarti alla sofferenze del mondo, sei libero di farlo. Ma probabilmente questo tuo sottrarti sarà il solo dolore che potrai evitare. (Mathilde – Catherine Deneuve) Assecondare o criticare gli altri, compiacerli o metterli in discussione? Come bisogna reagire quando una persona a cui vogliamo bene si perde in una brutta deriva, si isola …

Review Overview

AMAZING STARS

Sufficiente

Summary : In bilico tra commedia e dramma. Senza coraggio per il grottesco e con poca credibilità per la dimensione psicologica, si limita a mettere in scena una serie di episodi che scivolano uno dietro l'altro senza mai sorprenderci o illuminarci sulla natura del problema.

User Rating: 1.85 ( 1 votes)
53

Piccole crepe, grossi guai - Locandina

Piccole crepe, grossi guai

Genere: Commedia

Cast: Catherine Deneuve, Gustave Kervern, Féodor Atkine, Pio Marmaï, Michèle Moretti, Nicolas Bouchaud, Oleg Kupchik, Bruno Netter,Garance Clavel, Carole Franck, Olivier Charasson, Cécile Descamps, Fred Épaud, Fanny Pierre

Un film di: Pierre Salvadori

Durata: 94 minuti

Data di uscita: 16 Ottobre 2014

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. E' ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close