Home / Interviste / Cristina D’Avena e i Puffi
Cristina D’Avena e i Puffi

Cristina D’Avena e i Puffi

Cristina D’avena, voce storica delle sigle delle serie animate della tv, ha risposto alle domande della stampa, a Roma, presentando il nuovo film I Puffi: Viaggio nella Foresta Segreta, in uscita il 6 aprile 2017, dove canta una nuova sigla e presta la sua voce a un personaggio mai apparso prima.

Cristina D’avena, cosa significano per te i Puffi e il doppiaggio?

Amo i Puffi, di cui ho cantato una delle mie prime sigle e amo il doppiaggio. Essendomi concentrata sulle sigle non avevo mai doppiato i personaggi per non confondere il pubblico. Ora che sono grande mi chiedono di doppiare i cartoni e quando mi hanno chiesto di doppiare un personaggio nel film dei Puffi, oltre alla sigla nei titoli di coda, ho detto subito sì.

Questo film mi sembra anche più bello degli altri. Ha delle belle immagini e una bella storia in cui, per esempio, Puffetta ha fatto bene a “cercare altro”.

Se dovessi perderti in una foresta misteriosa quali Puffi porteresti con te?

In una foresta mi porterei il Grande Puffo, che serve sempre, Puffetta, che è un’amica, Puffo ForzutoQuattrocchi, che sono meglio quattro che due, Golosone anche se sono a dieta. Me li porterei tutti, me li porterei pure ai miei concerti.

Com’è questa nuova sigla?

La nuova sigla ha suoni anni 90 insieme a sonorità di oggi. Questa sigla la canterò anche ai concerti dopo l’uscita del film, il 6 aprile. Anche con i classici delle sigle mi diverto a riarrangiarli in chiave rock.

Cosa significano i cartoni animati e quali personaggi ami di più?

I cartoni sono colore, gioco, fantasia e ci fanno andare indietro nel tempo. Ci fanno bene perché ci portano, ogni tanto, lontano dai problemi. Amo Licia perché l’ho anche interpretata in una serie, Rossana, Sailor Moon, Lady Oscar, David Gnomo.

È cambiata la fruizione dei cartoon e sono cambiati i bambini?

Conosciamo tutti i personaggi e le sigle cui la televisione dava spazio. Mi dispiace che non abbiamo più uno spazio dedicato ai cartoni in tv anche se c’è Internet e il cinema. La tv è comunque una scatola magica che deve colorarsi anche coi cartoni. Spero si possa riscoprire il bambino e i prodotti più adatti a lui, perché il bambino è quello che è anche se sono altri tempi e lui si incanta ancora davanti alle cose belle. Se la televisione è pulita lo saranno i bambini.

Ad un concerto ho visto un bambino cantare “Andiamo a comandare“. Poi ha cantato la sigla di Doraemon e lì si muoveva e comportava come un bambino. Oggi i bambini fanno tante cose e altre cose rispetto a una volta ma magari si può alternare la playstation cantando qualche canzone ogni tanto.

Cristina D’Avena appare sempre buona ma si arrabbia mai?

Mi arrabbio per le cose in cui credo. Quando fu chiusa la tv dei ragazzi mi arrabbiai tanto. Dopo varie delusioni, come quando si è troppo buoni, ho imparato a dare meno fiducia. Mi fido di amici che ho da anni, un po’ come i Puffi. A volte chiedo consiglio pure a loro! (ride)

Che ne pensi dei Puffi che sono stati ambasciatori all’Onu presentando una proposta? In riferimento alla delegazione di tre voci originali del film: Demi Lovato, Mandy Patikin e Joe Manganiello che hanno consegnano le chiavi del villaggio dei Puffi nella sede dell’ONU a New York, rendendo noto il loro supporto alle Nazioni Unite e la loro missione contro l’estrema povertà, la diseguaglianza e i cambi climatici, verso obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

C’era pure uno scherzo che avevo proposto ad un concerto. Un governo formato dai Puffi. Anche se c’è Gargamella a dare fastidio, in fondo noi siamo buoni. Non sarebbe male no?

In questo nuovo episodio, I Puffi: Viaggio nella foresta segreta di Kelly Asbury, al cinema dal 6 aprile, interamente animato con protagonisti i Puffi, una mappa misteriosa spinge Puffetta ed i suoi migliori amici Quattrocchi, Tontolone e Forzuto ad una corsa emozionante ed avvincente attraverso la Foresta Segreta, un luogo abitato da creature magiche, per trovare un misterioso villaggio perduto, prima che ci arrivi il perfido mago Gargamella. Intraprendendo un viaggio mozzafiato ricco d’azione e pericoli, queste piccole creature blu arriveranno a scoprire il più grande segreto della storia dei Puffi.

About Andrea Di Cosmo

Andrea è laureato in Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico. Segue e scrive di cinema e teatro, dopo aver coltivato e amato quest'ultimo personalmente, studiando teatro e canto e partecipando a spettacoli e Festival, in Italia e non solo. Ha scritto per varie testate tra cui Best Movie e Saltinaria, Cinespresso e Amazing Cinema. Nel suo percorso si occupa anche della promozione e organizzazione di eventi culturali, teatrali, musicali e turistici. Tra questi ci sono stati Musicultura, MArtelive, e il Levante International Film Fest.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close