Home / Fantasy / La Bella e la Bestia
La Bella e la Bestia

La Bella e la Bestia

Tale as old as time
Song as old as rhyme
Beauty and the Beast

Diventa un rifacimento dal vivo il film d’animazione Disney che racconta la storia di un maleficio per cui un Principe è trasformato in una Bestia e i suoi servitori in oggetti parlanti, condannati tutti insieme nel castello dove vivono. Arriva da loro Belle, ragazza di paese che sogna una vita più avventurosa rispetto alla corte indesiderata da parte di Gaston, atletico ma ignorante ragazzo del luogo, aiutato dal compare Le Fou.

Ciò che è riuscito in questo remake è, fondamentalmente, ciò che funzionava nel primo film. La regia si impegna, tuttavia, a variare le inquadrature e a cambiare le scene in cui avvengono alcuni dialoghi. Inoltre ci si avvale di un lussureggiante apparato produttivo che reinventa gli aspetti visivi, dalle scenografie, ai costumi, agli effetti speciali, a certe soluzioni logistiche nella composizione delle scene.

La sceneggiatura elabora efficacemente la fiaba originale dando spessore a Belle, la protagonista della storia, che in questa versione esprime ancora di più la voglia di affermazione femminile, ante litteram, di chi si sente costretta nelle rigide convenzioni sociali del paesino dove vive, regole che la vorrebbero sposata e analfabeta, come le altre donne del luogo. Emma Watson, discreta nel canto in versione originale, tuttavia non interpreta benissimo la femminilità di donna del personaggio ma ha ancora molto della ragazza, anche un po’ impacciata e poco aggraziata nei movimenti. Va detto comunque che l’investimento nel cast di questi remake dal vivo di classici Disney è sempre notevole, almeno nella scelta dei nomi. Oltre a Emma Watsoninfatti, possiamo annoverare star come Dan Stevens, Luke Evans, Josh Gad, Kevin Kline, Ewan McGregor, Ian Mc Ellen ed Emma Thompson.

Rispetto a Il Libro della Giungla (2016), che omaggiava il classico animato di riferimento ma recuperava maggiormente le sue origini letterarie, questo remake ricalca di più il film animato del 1991, soprattutto nella sua struttura musical. Qui anzi sono state aggiunte alcune canzoni inedite. Stranamente nessuna di queste canzoni sia stata ripresa dal fortunato musical teatrale del 1994, basato sul film, che aveva vari brani nuovi, adatti da integrare in questo nuovo film. Gli inediti del 2017 sono interessanti, soprattutto Evermore, una canzone della Bestia che riflette sulla sua condizione. La parte del leone è comunque l’insieme delle canzoni del 1991 riarrangiate  e ricantate dai nuovi interpreti con sfumature diverse. Lavoro che dimostra l’inventiva del prolifico compositore Alan Menken, che ha lavorato a tutte le versioni, due cinematografiche e una teatrale. La ripresa dello stile musical sembra accantonare quella che sembrava quasi essere una ritrosia di avere canzoni nei remake dal vivo di film Disney. Si pensi, per esempio, al remake di Cenerentola (2015) in cui le canzoni erano accennate piuttosto timidamente.

Va fatto notare che questa terza versione, realizzata dalla stessa Disney dopo il film animato originale e il musical teatrale, ha il terzo adattamento in italiano dei testi parlati e delle canzoni. Quello dell’edizione 2017 è l’adattamento più discutibile, particolarmente nel cantato, soprattutto per la concordanza metrica tra musica e parole, cosa evidente, ad esempio, nel brano di apertura: Belle.

Considerata la fedeltà al film originale, questa consente comunque un positivo atteggiamento di rielaborazione rispetto alle scene note; come il numero: Be our Guest che diventa una coreografia con riferimenti iconici dell’India, quasi in omaggio a Bollywood o alla commedia musicale rappresentata in Moulin Rouge! (2001); scelta curiosa pensando che il candeliere protagonista della scena è interpretato proprio da Ewan McGregor, protagonista di quel film.

Tra le scene nuove sono interessanti quelle che illuminano altri aspetti della storia e dei personaggi come: la sorte della madre di Belle, i genitori del Principe e l’ambiguità sessuale di Le Fou, quest’ultima molto più delicata e poco esibita di quanto si possa pensare. Queste variazioni sono anche un’occasione di leggera attualizzazione di un classico, altrimenti quasi lasciato intatto. La sceneggiatura si concede momenti di ironia e velate allusioni più comprensibili per un pubblico adulto, assolutamente innocue, non esplicite e tutto sommato divertenti, anche se leggermente spiazzanti nella messinscena di una fiaba ambientata nel Settecento.

Alcune gag comiche, come sgabelli e palle di neve lanciati e che colpiscono le vittime, sembrano inserite per suscitare la facile risata dei più piccoli ma non sono necessarie, tuttavia rimangono piuttosto limitate rispetto alla grazia di molte altre parti.

Gli oggetti viventi sono realizzati in computer grafica come se fossero reali ma sembrano più statici rispetto a quello che consente il disegno animato. Questi oggetti hanno movimenti poco fluidi e paradossalmente sembrano più realistici ma meno veri. Non sono bellissimi ma funzionano, in quanto rappresentano le vittime di un maleficio.

Anche questa pellicola, come i remake sempre più numerosi di altri film Disney ha il limite di essere un rifacimento di qualcosa di esistente e questo film, in particolare,  brilla di luce altrui. Questa volta  è stato comunque rielaborato bene un materiale dal successo già noto, aggiungendo qualche modifica interessante, dimostrando che la storia e i personaggi già amati si possono  presentare ancora con ulteriori sfumature.

Tale as old as time Song as old as rhyme Beauty and the Beast Diventa un rifacimento dal vivo il film d’animazione Disney che racconta la storia di un maleficio per cui un Principe è trasformato in una Bestia e i suoi servitori in oggetti parlanti, condannati tutti insieme nel castello dove vivono. Arriva da loro Belle, ragazza di …

Review Overview

AMAZING STARS

Buono

Summary : Rifacimento fedele del classico con qualche interessante novità come le canzoni inedite. Notevole l'impiego di star nel cast. Un film che vive del successo dell'originale ma è piacevole nella sua nuova rielaborazione.

User Rating: 2.75 ( 2 votes)
65

La-Bella-e-La-Bestia

 La Bella e la Bestia

GenereFantasyMusical, Ragazzi

Interpreti: Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Josh Gad, Ewan McGregor, Stanley Tucci, Audra McDonald, Gugu Mbatha-Raw, Hattie Morahan, Nathan Mack e con Ian McKellen ed Emma Thompson

Un film di: Bill Condon

Data di uscita: 16 marzo 2017

About Andrea Di Cosmo

Andrea è laureato in Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico. Segue e scrive di cinema e teatro, dopo aver coltivato e amato quest'ultimo personalmente, studiando teatro e canto e partecipando a spettacoli e Festival, in Italia e non solo. Ha scritto per varie testate tra cui Best Movie e Saltinaria, Cinespresso e Amazing Cinema. Nel suo percorso si occupa anche della promozione e organizzazione di eventi culturali, teatrali, musicali e turistici. Tra questi ci sono stati Musicultura, MArtelive, e il Levante International Film Fest.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close