Home / Teatro / B.L.U.E. Il Musical completamente improvvisato
B.L.U.E. Il Musical completamente improvvisato

B.L.U.E. Il Musical completamente improvvisato

Il musical è un tipo di opera solitamente di una certa complessità nella composizione e di una certa organizzazione nell’allestimento, poiché prevede la compresenza di recitazione e canto, spesso numeri di danza, oltre a costumi, trucco, scenografie, disegno luci ed effetti vari. Il teatro è una forma artistica molto variegata e l’improvvisazione è una di quelle che meglio esprime l’abilità del creare situazioni interessanti sul palco al momento. Apparentemente il musical teatrale non sembra prestarsi a una sfida del genere, eppure la compagnia de I Bugiardini sorprende il pubblico quando chiede di scegliere e votare un luogo e un titolo dove ambientare un musical che sarà improvvisato dalla storia fino alle musiche e canzoni.

Nella replica del 28 settembre 2017 il pubblico sceglie, nell’ilarità generale, l’ambientazione in una macelleria di Via Tuscolana a Roma e il titolo evocativo di “Manzo Criminale“. Si delinea un percorso spesso esilarante dove la storica macelleria ha un impronta ironicamente malavitosa ed è dichiaratamente contro i vegani. Se una del gruppo inizia a essere disturbata dal consumo di carne ecco che inizia una serie di rappresaglie tra il comico e l’assurdo.
Il protagonista designato di questa storia è un macellaio, interpretato da Emanuele Ceripa, che sente la missione del trattamento della carne che deve essere massaggiata e “stare comoda” durante la lavorazione. I suoi manicaretti sono così ben fatti che parlano addirittura, attraverso voce e mimica di uno dei dotati interpreti, Francesco Lancia, e sono l’orgoglio di uno dei clienti che li ha acquistati per fare colpo con delle salsicce speziate.

A questo aspetto da faida si aggiunge un confronto tra la cosiddetta vita ruvida di Roma Sud e la raffinatezza di tendenza snob di Roma Nord in un comico confronto antropologico che allarga la riflessione e la avvicina ai trend abbastanza fortunati del web che fanno ironia sulle differenze tra le due parti della città.

La parte musicale, eseguita dal vivo e al momento dalla travolgente Blue Band, è parecchio ricca e spazia dai registri addirittura più melodrammatici fino a ballate e swing come anche ritmi più spagnoleggianti. Questo aumenta l’effetto comico di una storia quasi parodistica ma che adotta stile e registri di un’opera musicale a tutti gli effetti. Tra gli esempi più folli ma riusciti c’è il racconto della storia di come la visione di animali teneri possa indurre a non mangiare più carne, racconto cantato con il coro di un maialino e di un agnello interpretati dai membri della compagnia, membri che a turno diventano protagonisti o coristi delle scene. Semplici paraventi in trasparenza costruiscono le scene, a mostrare panche e persino una cella frigorifera.

In questo spettacolo gli interpreti sono fluidi alla messinscenaEmanuele Ceripa caratterizza la veracità di storico macellaio che predica il culto della carne e ha estemporanei ricordi della moglie defunta. Francesco Lancia intrattiene anche come mimo e con le voci che gli fanno interpretare pure salsicce e carciofi in cottura. Francesco Lobello presta il suo volto e corpo con elasticità artistica piacevole nel diventare anche un animale o un pezzo di carne. Simona Pettinari rende bene l’idea comica della reietta dai carnivori e vittima degli eventi. Anche gli altri interpreti in scena giovedì, Fabrizio Aloisi e Cecilia Fioriti, nelle loro alternative funzioni di supporto o coprotagonisti, hanno i loro momenti più gustosi.

Lo svolgimento sembra molto spontaneo e semplice eppure la storia è alquanto precisa nello svolgimento, insieme ai momenti musicali che sono comunque ben strutturati e inseriti nel resto. Rimane ancora difficile credere che sia tutto concepito sul momento, soprattutto le parti cantate, piuttosto sembra lecito pensare che ci siano più tracce narrative e pezzi musicali adattabili a varie trame. Cosa che nulla toglierebbe all’aspetto interattivo dello spettacolo, grazie anche alla partecipazione del pubblico entusiasta e caloroso, che anzi si è prodigato bene a suggerire un numero di trame utile per improvvisare lo spettacolo.

Comunque, poiché la compagnia assicura che ogni spettacolo viene creato e messo in scena una volta sola e che cambia continuamente, il suggerimento, anche per un maggiore godimento, è quello di vedere più repliche possibili di uno spettacolo sempre diverso e divertente che, dopo Roma, continuerà in varie città, tra cui: Milano, Bologna, Torino, Brescia, Padova, e Lecce.

Il musical è un tipo di opera solitamente di una certa complessità nella composizione e di una certa organizzazione nell’allestimento, poiché prevede la compresenza di recitazione e canto, spesso numeri di danza, oltre a costumi, trucco, scenografie, disegno luci ed effetti vari. Il teatro è una forma artistica molto variegata e l’improvvisazione è una di quelle …

Review Overview

AMAZING STARS

Da Vedere

Summary : Un curioso abbinamento tra la complessità del musical teatrale e l'improvvisazione regala una storia esilarante con canzoni, musica e vari momenti comici, esaltati dalla bravura degli artisti, che invoglia a vedere più repliche. Bravi.

User Rating: 2.85 ( 1 votes)
73
 
B.L.U.E. Il Musical completamente improvvisato

Genere:  Teatro

Regia e interpreti: I Bugiardini: Fabrizio Lobello, Francesco Lancia, Simona Pettinari, Cecilia Fioriti, Emanuele Ceripa, Fabrizio Aloisi, Fulvio Maura, Mauro Simolo, Andrea Laviola (attori); Fabio Pavan (tastiera), Alessio Granato (tastiera), Giacomo Dall’Ongaro (contrabbasso), Damiano Daniele (batteria)

Sede: Teatro Sette via Benevento 23, Roma

Data di uscita: dal 26 settembre al 1 ottobre 2017

 

 

About Andrea Di Cosmo

Andrea è laureato in Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico. Segue e scrive di cinema e teatro, dopo aver coltivato e amato quest'ultimo personalmente, studiando teatro e canto e partecipando a spettacoli e Festival, in Italia e non solo. Ha scritto per varie testate tra cui Best Movie e Saltinaria, Cinespresso e Amazing Cinema. Nel suo percorso si occupa anche della promozione e organizzazione di eventi culturali, teatrali, musicali e turistici. Tra questi ci sono stati Musicultura, MArtelive, e il Levante International Film Fest.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close