Home / Avventura / Abel – Il figlio del vento
Abel – Il figlio del vento

Abel – Il figlio del vento

Si può vincere in molti modi, il coraggio ti può dare rispetto.
(Denzer – Jean Reno)

L’aquilotto più forte scaccia dal nido quello più debole, destinandolo così a morte certa. Ma il nostro aquilotto protagonista del film ha il destino dalla sua parte e quella che può sembrare una fine è invece l’inizio di una vita nuova.
Caduto dal nido, verrà trovato da Lukas (Manuel Camacho), un ragazzino di 10 anni che si prenderà cura di lui. Lo accudirà crescendolo ed insegnandogli a volare e cacciare per riconquistare la libertà di cui ha diritto.

Lukas vive sulle montagne con il padre Keller (Tobias Moretti) con il quale non ha un buon rapporto. Il ragazzo porta sulle spalle la colpa per la morte della madre intervenuta per salvarlo da un incendio. Per narrare la loro storia vi è un altro grande protagonista del cinema internazionale, Jean Reno (Denzer) che interpreta il guarda boschi che consiglierà Lukas standogli vicino, riavvicinandolo piano piano al padre.

L’inizio della stesura della sceneggiatura del film cominciò nel 2012 da parte di Joanne Reay. Il centro della storia doveva essere il fenomeno del “Cainismo”, un comportamento diffuso in natura soprattutto tra i rapaci e consiste nella lotta tra i piccoli per stabilire chi è il più forte e perciò adatto a sopravvivere e continuare così la specie. Partendo dalla descrizione di questo fenomeno naturale si è pensato subito di costruirne una storia dove anche gli umani potessero intervenire. Per realizzare questo film davvero unico e mantenere l’autenticità dello scenario, si sono sviluppate nuove tecniche di ripresa ed inventato una telecamera per raggiungere una risoluzione molto alta delle immagini.
Le riprese sono iniziate quando la sceneggiatura era ancora in una prima fase di stesura a causa dell’enorme quantità di tempo che era necessario per riprodurre la vita selvaggia. E’ stata necessaria molta pazienza per far si che le aquile si abituassero a volare a fianco di veicoli ultra leggeri dotati di un sistema di telecamere Cineflex, poiché le immagini dovevano essere riprese anche dal punto di vista dell’aquila, oltre ad apparecchiature posizionate proprio sull’animale stesso.
Scenari meravigliosi delle Alpi Austriache, l’aiuto di falconieri ed addestratori di aquile, la costruzione di habitat su misura e riprese eccezionali hanno fatto si che si realizzasse un capolavoro, presentato in anteprima al Giffoni Film Festival.

La sfida principale durante la fase di preparazione delle riprese è stato definire la fattibilità tecnica, logistica e fisica.

dice uno dei registi Otmar Penker.

Il cuore pulsante del film è l’intensa e spontanea relazione che si instaura tra il ragazzino e l’aquila. La caratteristica migliore del film è sicuramente il connubio tra le vicende drammatiche vissute dall’uomo e la realistica e meravigliosa fotografia del paesaggio naturale. Questa è considerata la prima volta che i due elementi vengono legati in un unico film per la famiglia. Grande soddisfazione per i due registi che hanno vinto una sfida nel campo creativo.
Il tutto è stato affiancato dall’utilizzo di un mixaggio dei suoni in Dolby Atmos, nuova tecnologia capace di creare un’esperienza audio per gli ascoltatori che non si sentono più solo spettatori, ma che vivono questa esperienza cinematografica a 360°.

Un film speciale ed unico che ci insegna come tutti possiamo trovare la nostra via verso la libertà, e dove la vittoria non viene solo da una sfida, ma dove si può vincere anche mostrando coraggio.

Si può vincere in molti modi, il coraggio ti può dare rispetto. (Denzer – Jean Reno) L’aquilotto più forte scaccia dal nido quello più debole, destinandolo così a morte certa. Ma il nostro aquilotto protagonista del film ha il destino dalla sua parte e quella che può sembrare una fine è invece l’inizio di una …

Review Overview

AMAZING STARS

Buono

Summary : Scenari meravigliosi delle Alpi Austriache, l’aiuto di falconieri ed addestratori di aquile, la costruzione di habitat su misura e riprese eccezionali hanno fatto si che si realizzasse un capolavoro, presentato in anteprima al Giffoni Film Festival.

User Rating: 2.8 ( 1 votes)
69
Abel - Il figlio del vento - Locandina

 Abel – Il figlio del vento

Genere: AvventuraDrammatici

Attori: Jean Reno, Tobias Moretti, Manuel Camacho, Eva Kuen

Durata: 98 minuti

Un film di: Gerardo Olivares

Data di uscita: 29 settembre 2016

About Mario Sala

Nato a Piacenza ma romano di adozione. Laureato al DAMS e cinefilo da sempre. Appassionato di televisione e di teatro, dove ha collaborato come aiuto regista.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close